scritto da Phoebes
lunedì 30 Gennaio 2012
alle 23:15
Categoria : Scotto Di Minico

Una storia d’amore

di Ciro Scotto Di Minico

Ora, le cose stanno così: o lui è un vampiro (ma vampiro vampiro) o io quest’inverno ho visto troppe volte “Twilight”.
George

(Pagina 79)

Un vampiro milanese va a dormire una mattina nella sua bella bara firmata Dolce & Gabbana, nel suo bel loft su viale Stenna, e la sera successiva si risveglia in un’orrida bara Docce & Gabinetti, in un minuscolo e mal arredato appartamento e, quel che è peggio, a Napoli! Come è potuto succedere?!? E come farà il vampiro abituato alla bella vita con la gente che conta a barcamenarsi tra questi esseri umani così decisamente inferiori e, quel che è peggio, napoletani?

Ho ricevuto questo libro da una catena di lettura su aNobii. Mi piace molto partecipare a queste iniziative, però sono sempre un po’ preoccupata perché se poi il libro non mi piace sarà ancora più difficile del solito scrivere una recensione negativa, perché so che probabilmente il mio commento sarà letto dall’autore in persone, e che questi solitamente è un giovane scrittore alle prime armi, magari alla sua prima pubblicazione costata tempo, fatica e a volte anche soldi.
Perciò quando poi capita che il libro invece mi piace un sacco, come in questo caso, sono ancora più contenta!!! :D Sì sì, sono stata proprio fortunata perché il libro m’è piaciuto moltissimo! :)

Protagonista è questo vampiro snob e anche alquanto razzista che si risveglia una sera nel suo peggiore incubo:
Cribbio!
Vada per essere un vampiro, vada per essere un succhiasangue, vada per essere un non morto a vita eterna… ma napoletano no. No, no e no!!!
[dalla quarta di copertina]
Seguiamo le sue peripezie raccontate in prima persona, intervallate dalla voce di alcuni degli altri personaggi che incontra nei suoi vagabondaggi partenopei, e ogni tanto anche dal racconto del suo passato, della sua vita prima di diventare vampiro. Non è un personaggio simpatico, e più sappiamo del suo passato, più, non posso negarlo, diventa odioso! Però nel suo presente, forse pure per il fatto di essersi all’improvviso trovato spaesato e solo, ogni tanto fa tenerezza (e alcuni personaggi sono d’accordo con me!) tanto che alla fine non si può proprio non parteggiare per lui!

Il romanzo è davvero divertente, anche se no ho potuto non notare una certa discordanza tra il mio umorismo e quello dell’autore: diverse frasi, dialoghi o situazioni le ho trovate davvero esilaranti, mentre c’erano alcune battute che a me non facevano ridere (tipo la bara “Docce e Gabinetti” o la ragazza altra un metro e tanta voglia di crescere), e queste ultime venivano ripetute di continuo tanto da diventare irritanti!
Tra le pagine che invece mi hanno divertito davvero non posso non annoverare quelle riguardanti il portiere giocherellone e i suoi spassosissimi scherzi ai danni del vampiro! XD

A rendere ancora più intrigante la trama di questo romanzo c’è anche il mistero su come abbia fatto il nostro protagonista ad andare a dormire a Milano, e risvegliarsi invece a Napoli. Lui, preoccupato di trovare da mangiare e sopravvivere alla napoletanità, sembra quasi considerare questo mistero come qualcosa di secondario, ma io invece ero davvero curiosissima, e quando finalmente abbiamo scoperto cosa è accaduto, devo dire che sono rimasta piacevolmente sorpresa perché primo: era qualcosa che proprio non avrei mai immaginato; e secondo: l’idea mi è piaciuta un sacco!! :D il Senatore Gaetano De Santis, alias don Gaetano il “padrone del palazzo e delle tenebre”, aka il vampiro che ha vampirizzato il nostro protagonista (che, per la cronaca, si chiama Cristiano), era in realtà un vampiro “buono”, che, provando disgusto per l’essere umano che Cristiano era diventato, lo vampirizza (anche se non completamente) e poi lo porta a Napoli, per tentare di salvarlo. Inutile dire che ci riuscirà, e il finale ci lascia con Cristiano, tornato umano in tutti i sensi, che si gode la sua prima alba dopo tanto tempo!

Ho molto apprezzato anche lo stile dell’autore, in particolare quando fa parlare il protagonista inserendo qualche parola in inglese ogni tanto, fa molto cool e rende il tutto più realistico! :)

Anche i personaggi mi sono piaciuti, anche se a parte il protagonista erano tutti un pochino stereotipati. La cosa però era dovuta forse alla brevità del romanzo, o chissà, magari era voluta, perché in effetti comunque non ci stanno male, rappresentano un po’ dei vari tipi di umanità con cui il vampiro è costretto a “scontrarsi”, nel bene e nel male (senza contare che nel personaggio di Noemi c’era anche una vaga – ma proprio vaghissima!!! – allusione a reali ancora abbastanza recenti eventi italiani).

Insomma, proprio una bella lettura, piacevole e soddisfacente! Sono veramente contenta di aver partecipato a questa catena di lettura!

Copertina e Titolo

Il titolo è semplice ma efficace, il sottotitolo un po’ mi aveva preoccupato (l’ho notato solo dopo aver aderito alla catena), ma per fortuna mi ero sbagliata nell’interpretarlo! :)
La copertina è davvero carinissima!!

Dammi 4 parole

Divertentissima variazione sul tema

Scheda del libro

Titolo: Un Vampiro a Napoli
Sottotitolo: Una storia d’amore
Autore: Ciro Scotto Di Minico
Nazionalità: italiana
Anno prima pubblicazione: 2011
Ambientazione: Napoli, giorni nostri
Personaggi: Cristiano, Samantha, Lisa, Noemi, George, Marco, Kevin, Gennario De Santis
Casa Editrice: Eracle
Copertina: Laura Caleca
Pagine: 142
Note: il libro mi è arrivato tramite QUESTA catena di lettura.
Link al libro: FACEBOOKANOBII
inizio lettura: 25 gennaio 2012
fine lettura: 29 gennaio 2012

Segnalibri: quello che ho usato durante la lettura (a destra) mi è arrivato insieme al libro, e me lo sono potuto tenere perché ce n’erano molti altri da rimandare al prossimo lettore della catena! :)

Un po’ di frasi

Cribbio!
Vada per essere un vampiro, vada per essere un succhiasangue, vada per essere un non morto a vita eterna, vada anche per questo colorito pallido, tendente al cadaverico, che nemmeno cento lampade al “Solarium Milano Doc Club” riescono a vivacizzare un po’ (situation che per un cultore dell’abbronzatura 365 giorni all’anno come il sottoscritto è l’equivalente di una condanna a morte)!
[incipit]

Mi fermo presso l’unica femmina solitaria. Le altre si muovono in gruppetti, lei invece cammina lungo il marciapiede sola ed indipendente, coraggiosa e selvaggia. E’ lei la più nera tra le pecore nere. La guardo con arroganza. Non scapperai, né chiederai di più, né vorrai altro fino a morire. Mi svelo, giocando con il mantello.
“Chist me pare nu poco ricchione!”
Cosa? Che ha detto? Non mi pareva africano!
“Pelle d’ebano, stasera resti con me!” Dico, usando tutta la gravità della mia voce da predatore della notte.
“Sì, sì, è ricchione, è ricchione!”
Mi sembra di aver capito ricchione, ma devo essermi sbagliato. In africano quel “recchia” e non so che deve significare qualcosa come “che tipo interessante” oppure “sei bellissimo”, insomma qualcosa del genere.
“So cento euro!”
Cento euro l’ho capito.
(Pagine 23 e 24)

— Parlava poco, ma con un accento straniero.
— Allora sarà albanese.
— Ma no, che albanese! Un accento straniero italiano… mi sono spiegata?
— Non molto, ma vai avanti.
Samantha e George
(Pagine 36 e 37)

“Che facciamo?” Chiede Lisa.
“Che dovremmo fare?” Aggiunge Marco già preoccupato.
“Forse dovremmo esserle vicini…” Propone Lisa.
“Eh sì…” – dice Samantha – “alla fin fine è una di noi!”
“Maronna e che due palle!” – Esplode George – “Ma fatemi capire: noi abbiamo aperto una specie di agenzia di aiuto al prossimo o cosa?”
“Ma no! Solo che dopo l’esperienza assurda di stanotte è un po’ come se fossimo una famiglia e Noemi è la cugina stronza, ma sempre cugina resta!” Rispondo io.
Ok, da domani ci occupiamo di Noemi, oggi è tutto nostro.

[explicit]

Argomenti



ATTENZIONE! Se devi scrivere uno spoiler, racchiudilo nei tag [spoiler title="SPOILER"][/spoiler]. Puoi usare inoltre i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: