scritto da Phoebes
venerdì 1 20 Giugno12
alle 15:49
Categoria : _serie tv_

Sherlock
← STAGIONE 1
STAGIONE 3 →

Brainy is the new sexy.

Intelligente è il nuovo sexy.

Irene

(Episodio 1)

Serie creata da Mark Gatiss e Steven Moffat
con Benedict Cumberbatch e Martin Freeman

La prima stagione ci aveva lasciato con un notevole cliffhanger, ma per mia fortuna la seconda è già andata in onda quindi ho potuto vedere subito come proseguiva la storia! :)

Continuano le attività del nostro Sherlock come consulente investigativo, ostacolato da Jim Moriarty, consulente criminale.

Dopo aver visto il primo episodio di questa stagione mi sono imposta di non continuare la visione se prima non avevo scritto la recensione (sono solo tre puntate, devo farmele durare il più possibile!) e, beh… l’episodio l’ho visto appena finitala stagione uno, ma soltanto adesso mi sono finalmente decisa a completare la recensione, e quindi a pubblicarla!

Curiosità

Nella trasposizione dei romanzi di Doyle in epoca moderna gli scritti del Dottor Watson sono diventati virtuali, infatti il nostro John tiene un blog in cui racconta tutte le investigazioni di Holmes. Ebbene… quel blog esiste davvero! The blog of Dr. John. H. Watson è online ed è possibile leggere i resoconti di tutte le avventure dei Nostri, non solo quelle mostrate nelle puntate ma anche alcune solo accennate! Davvero un’ottima pensata da parte della produzione, soprattutto perché nel primo episodio di questa seconda stagione vediamo di sfuggita diversi casi che Holmes risolve (e anche uno che non risolve!), e vediamo che John ne parla sul blog, ma non ne sappiamo molto di più. Bè, grazie a questo sito possiamo finalmente Toglierci la curiosità! :)

Commento aggiornato all’Episodio 1

Episodio 1: A Scandal in Belgravia


Sceneggiatura: Steven Moffat
Regia: Paul McGuigan
Guest Star: Mark Gatiss (Mycroft Holmes), Andrew Scott (Jim Moriarty), Louise Brealey (Molly Hooper), Lara Pulver (Irene Adler)
Voto: 9

Mentre il blog di Watson procura a Sherlock sempre più clienti, Mycroft contatta il fratello per un problema che coinvolge personaggi molto importanti. Inizialmente il Nostro non è interessato, ma poi si convince perché l’avversario che dovrà affrontare sembra essere alla sua altezza: Irene Adler, altri menti nota come “La Donna”.

Dopo lo scioglimento del cliffhanger con cui ci aveva lasciato al scorsa stagione (sarà proprio questa misteriosa Miss Adler a salvarli) segue un periodo di relativa calma per i Nostri, che seguono casi minori e diventano sempre più famosi grazie al blog di Watson.
Ed ecco che vengono in contatto con questa donna, anzi, “La Donna”, come di fa chiamare. Il personaggio di Irene Adler ch’io sappia appare solo di sfuggita nei romanzi di Doyle, credo venga solo nominata, ma deve aver solleticato molto la fantasia dei lettori, perché anche nel film con Robert Downey jr viene data a questo personaggio molta importanza, e, soprattutto, molto potere su Sherlock Holmes. La Irene (pronuncia “airin”) del ventunesimo secolo non è da meno. Il suo incontro con Sherlock Holmes avviene per via di alcune foto compromettenti che coinvolgono un personaggio molto in vista. Non vengono mai fatti nomi, ma ovviamente si capisce che deve trattarsi di un membro della famiglia reale. Davvero interessante questa cosa, mi sono divertita ad immaginare chi potesse essere la persona immortalata nelle foto: essendo una giovane donna, e visto che Irene la chiama “sua altezza”, l’unico nome che mi viene in mente è Katie Middleton!
In ogni caso l’incontro con “La Donna” colpisce moltissimo il nostro Sherlock, che si vede smascherato fin dal primo momento, e dal canto suo non riesce, invece, a capire nulla di lei, probabilmente anche perché gli appare completamente nuda e perfettamente truccata. Lui solitamente prende dai vestiti e da difetti fisici tutte le informazioni sulle persone, ma con lei non ci riesce, resta un enigma, anche se qualcosina riesce comunque a capire :). Solo nel finale arriverà finalmente a conoscerla, a conoscere, potremmo dire, il suo cuore! Infatti Holmes risolve finalmente il mistero che l’ha tenuto occupato per quasi tutto l’episodio (che copre un lungo arco di tempo, almeno sei mesi): il codice per sbloccare il telefono di Irene. Aprendolo appare una schermata con su scritto “I am locked” (sono bloccato) e quattro spazi vuoti dove inserire il codice. Questi spazi si trovano tra “am” e “locked”, e la soluzione dell’enigma è una cosa veramente, veramente geniale, a parer mio! Il succo sta nel fatto che Irene nel suo gioco di seduzione con Sherlock ha finito col perdere, perché si è davvero invaghita di lui. E il codice per sbloccare il telefono sono le lettere “SHER”, che inserite in quel punto formano la frase “I AM SHERLOCKED”, cioè come dire “Sono Sherlockata”, sono completamente presa da Sherlock! Fantastico! :) La vittoria del Nostro comunque non è proprio completa, perché suo malgrado sembra essere stato anche lui soggiogato da Miss Adler, infatti non riesce a dimenticarla, e nel finale scopriamo che la salva, impegnandosi anche nel far sì che il resto del mondo, Mycroft e Watson compresi, la credano morta.
Questa Irene devo dire che all’inizio non mi piaceva molto, proprio fisicamente non mi sembrava adatta al ruolo, in particolar modo per come portava i capelli, ma poi mi ci sono abituata… anche se ancora non mi convince del tutto! Come personaggio è comunque senz’altro eccezionale, e mi chiedo se la rivedremo, visto che alla fine non è morta. E mi chiedo anche se Sherlock è davvero l’unico a sapere che è ancora viva, o se non lo sa magari anche Moriarty!
Mi sono molto dilungata a parlare di Irene, ma è inevitabile, perché è lei il fulcro della puntata. Proprio un bell’episodio, questa seconda stagione inizia alla grande! Sherlock è sempre più Sherlock, ma stavolta sembra mostrare ogni tanto un lato più umano. In particolare mi hanno colpito due cose per quanto lo riguarda. La prima è quel che succede a Natale col regalo di Molly. Lui la prende in giro dicendo che ha un nuovo fidanzato, come ha potuto dedurre vedendo come lei ha impacchettato un regalo. Mi sembra assurdo che con tutta la sua intelligenza non sia riuscito a capire quello che era chiarissimo per tutti, noi spettatori compresi, e cioè che il regalo incriminato era proprio per lui!
La seconda cosa che mi ha colpito è un dialogo tra Mycroft e Watson verso la fine dell’episodio (non spoiler, non preoccupatevi) in cui il fratello di Holmes fa un’interessante “rivelazione”:

— My brother has the brain of a scientist or a philosopher, yet he elects to be a detective. What might we deduce about his heart?
— I don’t know.
— Neither do I. But initially, he wanted to be a pirate.
— Mio fratello ha il cervello di uno scienziato o di un filosofo, eppure ha scelto di fare l’investigatore. Cosa possiamo dedurre riguardo al suo cuore?
— Non lo so.
— Nemmeno io. Ma da piccolo voleva fare il pirata.

Non riesco proprio ad immaginarmelo Sherlock Holmes che vuole fare il pirata! XD

Informazioni sul telefilm

Serie creata da Mark Gatiss e Steven Moffat

Titolo: Sherlock
Titolo originale: Sherlock
Stagione: 2/?
Episodi: 3
Anno: 2012
Paese: Regno Unito
Canale: BBC One
Genere: giallo
Colonna sonora: David Arnold e Michael Price

Attori: Benedict Cumberbatch (Sherlock Holmes), Martin Freeman (Dr. John Watson), Una Stubbs (Mrs. Hudson), Rupert Graves (Ispettore Lestrade)

Sito ufficiale

Un po’ di frasi

— Look, this is a six. There’s no point in my leaving the flat for anything less than a seven, we agreed. Now go back, show me the grass.
— When did we agree that?
— We agreed it yesterday.
— I wasn’t even at home yesterday. I was in Dublin.
— It’s hardly my fault you weren’t listening.
— Questo è un caso da 6. E io non esco di casa se non si tratta almeno di un 7, come da accordi.
— Quando l’avremmo concordato?
— L’abbiamo concordato ieri.
— Ma non ero a casa, ieri. Ero a Dublino.
— Non è colpa mia se non mi stavi a sentire.
Sherlock e John
(Episodio 1)

— Sembra più alto nelle foto.
— Prendo la precauzione di avere un buon cappotto e un amico basso.
Harry e Sherlock
(Episodio 1)

— Punch me in the face.
— Punch you?
— Yes, punch me, in the face. Didn’t you hear me?
— I always hear “punch me in the face” when you’re speaking, but it’s usually subtext.
— Tirami un pugno in faccia.
— Un pungo?
— Sì, colpiscimi in faccia con un pugno! Non hai sentito?
— Mi sembra sempre di sentire “dammi un pugno” quando parli, ma di solito è sottinteso.
Sherlock e John
(Episodio 1)

Sentiment is a chemical defect found in the losing side.
I sentimenti sono un difetto chimico che si trova nella parte che perde.
Sherlock
(Episodio 1)

Argomenti


6 commenti per Sherlock, stagione 2

  1. Strawberry scrive:

    Questa è un’altra serie che devo recuperare…
    gli attori che c’erano alla sticcon erano GATES McFADDEN, la dottoressa Crusher di The next generation, e GARRETT WANG che era il guardiamarina Harry Kim in Star Trek: Voyager..doveva venire un altro ma non ce l’ha fatta…Wang era un simpaticone e la McFadden alla cena di gala ha voluto parlare con tutti gli ospiti e si è fatta il giro dei tavoli…molto americana come cosa ma è stato carino…:-D

    • Phoebes scrive:

      Sììì! E’ sicuramente una serie che merita, e poi in tutto sono solo 6 episodi fino ad ora!

      Gates McFadden me la ricordo, l’altro proprio no, ma di Voyager ho visto pochissimi episodi.

      Grazie per aver soddisfatto la mia curiosità! :D

  2. Camilla P. scrive:

    Sherlock *___* Non riesco a essere obiettiva quando si parla di questa serie TV!

    Sono proprio curiosa di leggere il tuo commento finale – io ho finito la 2a serie da un po’ e sono in astinenza!

  3. Erika scrive:

    Io ho adorato questo episodio sin dal primo momento, e francamente ne sono rimasta davvero molto affascinata. Anche ne “Uno scandalo in Boemia” (dove compare per la prima volta Irene Adler) ero rimasta colpita dal modo della Donna di “battere” Sherlock, ma assolutamente questo episodio ha dato quel pizzico di colore che mancava :D

    • Phoebes scrive:

      Io i romanzi in realtà non li ho ancora letti, ho letto solo il primo, “Uno studio in rosso”! Infatti mi sono fermata nella visione anche per questo, vorrei proprio leggere “Il Mastino di Baskerville” prima di vederlo, so che nel telefilm le cose saranno molto cambiate, ma è anche questo il bello della serie, vedere come hanno trasportato Conan Doyle ai giorni nostri! :)

      Adesso comunque mi hai messo una grande curiosità anche su “Uno scandalo in Boemia”!!! :D


ATTENZIONE! Se devi scrivere uno spoiler, racchiudilo nei tag [spoiler title="SPOILER"][/spoiler]. Puoi usare inoltre i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: