scritto da Phoebes
mercoledì 10 Aprile 2013
alle 9:14
Categoria : _altro_

Questa rubrica sarà postata di mercoledì, ma sicuramente non ogni mercoledì. Si parla di arte, di artisti, di musei, di archeologia, di architettura… tutti argomenti che mi appassionano ma di cui non sono sicuramente un’intenditrice. Lo scopo di questa rubrica è quindi fare una chiacchierata su cose che vedo, sento, leggo, eccetera. Spero vi piacerà! :)

Nuova rubrica qui su Il tempo di leggere! Era già da un bel po’ che ci pensavo, cioè che pensavo al modo di parlare un po’ di arte qui sul blog. Dopo aver letto Il colore del sole questo desiderio si è fatto più forte, e infine grazie a Il ritratto del diavolo mi sono detta che non potevo più aspettare, e avendo ormai una rubrica diversa per quasi ogni giorno della settimana ho deciso di aggiungere un giorno da dedicare ai Musei!
E cominciamo proprio da quest’ultimo libro correlato all’arte, che mi ha fatto scoprire Spinello Spinelli detto Spinello Aretino.


By Sailko (Own work) [CC-BY-SA-3.0], via Wikimedia Commons

Spinello Aretino è nato (indovinate un po’?) ad Arezzo, più o meno nel 1350, e sempre lì è morto il 14 marzo 1410. Fu discepolo di Jacopo del Casentino, a sua volta allievo di Taddeo Gaddi, il quale ebbe come maestro nientepopodimeno che Giotto. A ben vedere, infatti, pur nella mia ignoranza, ho notato che le opere di Spinello ricordano un po’ quelle di Giotto, o più in generale sono un perfetto esempio dell’arte del Trecento. Avete presente, quei dipinti aureggianti di Santi e personaggi famosi, molto simbolici e, forse per questo, poco naturali…
Ora… a me questo tipo d’arte, onestamente, non fa impazzire. Ma studiando il contesto e il significato riesco comunque ad apprezzarla. Ne Il ritratto del diavolo vengono nominate parecchie opere di Spinello, ma tra quelle che più mi incuriosivano sono riuscita a trovarne veramente poche sul web, non so se perché inventate dall’autore del libro, o andate perdute, oppure semplicemente conosciute con altri nomi. Per fortuna però ho ritrovato l’affresco che mi incuriosiva di più, ovvero quello che dà il titolo al libro, che è quello che vi propongo in questo post. Si tratta del Combattimento tra Angeli e Diavoli proveniente da Sant’Angelo al Prato dei Diavoli, al momento conservato nel Museo di arte medievale e moderna di Arezzo.

particolare
Di Sailko (Opera propria) [CC-BY-SA-3.0], attraverso Wikimedia Commons

L’affresco è molto frammentato, purtroppo, ma il soggetto è ancora ben visibile. Gli Angeli soprattutto sono quasi completamente intatti, mentre dei Diavoli riusciamo a vedere solo uno per intero. Questo un po’ mi dispiace, i diavoli mi incuriosivano molto di più, anche, come ho detto, per via del romanzo. La trovo comunque un’opera molto affascinante, estremamente realistica nonostante il tema e lo stile siano tutt’altro.

Come ho scritto nell’introduzione alla rubrica, non pretendo di fare una lezione di Storia dell’Arte con questi Mercoledì al Museo. Prima di leggere Il ritratto del diavolo non conoscevo né quest’opera né questo autore, e mi faceva piacere condividere questa scoperta. Spero di avervi se non altro incuriosito!

Link utili

Biografia di Spinello: Wikipedia
Opere: Wikimedia Commons
Il ritratto del diavolo di Anton Giulio Barrili: mia recensione

Argomenti


2 commenti per Mercoledì al Museo (1): Spinello Aretino

  1. Camilla P. scrive:

    Mi piace tantissimo questa nuova rubrica! :D E sicuramente mi hai incuriosita.


ATTENZIONE! Se devi scrivere uno spoiler, racchiudilo nei tag [spoiler title="SPOILER"][/spoiler]. Puoi usare inoltre i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: