scritto da Phoebes
mercoledì 11 Settembre 2013
alle 18:40
Categoria : Edlund, Matthews, _serie tv_

Supernatural
← STAGIONI 1-4 (ma non credo che le vedrò mai)
STAGIONE 9 →

Come sai la pazienza non è una delle mie virtù. Bè, io non ho nessuna virtù, ma se ne avessi, sono sicuro che la pazienza non sarebbe tra quelle.
Crowley

(Stagione 8, Episodio 19)

Serie creata da Eric Kripke
con Jared Padalecki e Jensen Ackles

Ho iniziato a guardare questa serie, come spesso mi succede, per la presenza di un attore che mi piace molto, Mark Sheppard, nei panni di un personaggio ricorrente, il demone Crowley. Non mi dilungo a parlare di lui o del mio giudizio complessivo sulla serie, che ho già scritto nella pagina dedicata a Supernatural. Dico solo che il telefilm mi piace, ma non così tanto da seguirlo, se non fosse stato per Mark e il suo Crowley. Infatti ho visto praticamente solo gli episodi in cui c’era anche lui. Qui commento le stagioni che ho visto, dalla 5 alla 8 (perché nelle prime 4 Crowley non c’è) in generale (per gli episodi che non ho visto mi sono avvalsa dei riassunti sulla Wikipedia per sapere che succedeva). Il voto che ho dato in toto a queste quattro stagioni è una media del voto che darei alla serie in sé (un 6 e 1/2 quasi 7) e quello che darei a Crowley (9, ma anche 10 nell’ultimo episodio).
Avviso infine (se non s’era cpito!) che i miei commenti saranno molto Crowley-centrici! :)

I fratelli Sam e Dean Winchester sono Cacciatori di Demoni per tradizione familiare. Ovviamente non combattono solo i demoni ma tutte le creature che hanno a che fare col soprannaturale. Tra angeli, leviatani, profeti e vampiri i due fratelli hanno sicuramente molto da fare.

Stagione 5

Episodi visti: 10, 20, 21
Sceneggiatori: Ben Edlund, Sera Gamble
Registi: Philip Sgriccia, Robert Singer
Guest Star: Mark Pellegrino (Lucifer), Rachel Miner (Meg), Mark Sheppard (Crowley), Julian Richings (Morte)

I fratelli Winchester in questa stagione devono affrontare nientepopodimeno che Lucifero, deciso a sterminare l’intera umanità. Nel tentativo di sconfiggerlo verranno aiutati dal demone Crowley, e dovranno affrontare anche i Quattro Cavalieri dell’Apocalisse.

Poco Crowley in questa stagione, infatti ho visto solo 3 episodi. Non male comunque la storyline di Lucifero (personaggio assai interessante) che coinvolge i Quattro famosi Cavalieri (Morte è senza subbio il mio preferito). Crowley compare come alleato, si dimostra in effetti molto d’aiuto, anche se si capisce che intende solo sfruttare i Winchester per i suoi scopi. Nell’episodio 20 scopriamo che ha un suo cerbero personale. Questi animali (Hellhound in inglese) sono cani infernali talmente spaventosi che pure i demoni ne hanno (molta) paura. Non li vediamo mai perché per gli umani sono invisibili, ma si capisce quanto siano terribili. Bè, Crowley chiama il suo “il mio cucciolo” :), ma secondo l’attore Mark Sheppard il vero nome del cerbero è Growly. Essendo un demone dei crocevia esaudisce desideri degli umani in cambio della loro anima, suggellando i patti con un bacio. Nell’episodio 21 fa un patto con Bobby Singer, l’amico-quasi-padre dei Winchester. L’uomo nega di averlo baciato, ma Crowley ha fatto una foto col cellulare, e quando la mostra agli altri, insinuando anche che Bobby ha usato la lingua, bè, a tutt’ora è una delle mie scene preferite!

Nel finale di stagione Crowley manca, quindi non l’ho visto, comunque finisce non proprio bene per i due protagonisti, e mi pare di capire che questo sia un po’ un topos in questa serie, che il finale deve lasciare almeno uno dei due conciato male.

Stagione 6

Episodi visti: 4, 7, 8, 10, 19, 20, 21, 22
Sceneggiatori: Andrew Dabb, Daniel Loflin, Adam Glass, Brett Matthews, Jenny Klein, Ben Edlund, Sera Gamble, Eric Kripke
Registi: Jensen Ackles, Guy Norman Bee, Philip Sgriccia, Robert Singer, John F. Showalter, Ben Edlund
Guest Star: Mark Sheppard (Crowley), Kim Rhodes (Sceriffo Jody Mills), Mitch Pileggi (Samuel Campbell), Rick Worthy (Vampiro Alfa), Rachel Miner (Meg), Samantha Smith (Mary Winchester/Eve), Julia Maxwell (Eve), Amber Benson (Lenore), Demore Barnes (Raphael), Lanette Ware (Raphael), Sebastian Roché (Balthazar), Peter Ciuffa (H.P. Lovecraft)

In questa stagione i due fratelli Winchester si trovano a dover fronteggiare il nuovo Re dell’Inferno, che non contento della sua nuova conquista, è alla ricerca del Purgatorio, che non è il posto dove vanno le anime pentite a scontare le pene prima di andare in Paradiso, ma è l’aldilà dei demoni, il luogo dove finiscono tutte le creature soprannaturali quando muoiono.

E chi è il nuovo Re dell’Inferno? Lo dico? E’ spoiler? Si scopre nell’episodio 4… va bè, lo dico: è Crowley! Bè, si capiva che non era un demone qualunque! E’ sicuramente molto più presente in questa stagione, e ogni episodio in cui compare è piuttosto importante per quanto lo riguarda, anche se magari a volte compare per poco.

Nell’episodio 4 scopriamo cose interessanti su di lui: quando era vivo il suo nome era Fergus Roderick McLeod, nato nel 1661 in Scozia. Ha fatto un patto con un demone per “avere qualche centimetro in più sotto la cintura” (parole di Bobby) e aveva un figlio che odiava. Proprio grazie al fantasma di questo figlio Bobby e i ragazzi Winchester troveranno le ossa di Crowley, che scambieranno con l’anima di Bobby.

Nell’episodio 7 in realtà Mark Sheppard non è accreditato nei titoli di testa. Pare che l’attore stesso abbia insistito su questa cosa, perché la sua comparsa in scena è un’assoluta sorpresa: scopriamo che il nonno materno di Sam e Dean, Samuel Campbell, lavora per lui!

L’episodio 10 inizia proprio con Crowley, legato ad una sedia e malmenato. Scopriamo subito però che a picchiarlo è… lui stesso! Infatti quello imprigionato è solo un mutaforma. Però… l’episodio comunque non finisce bene per il Nostro… o forse dovrei dire il Mio, visto che di solito uso il plurale quando parlo dei protagonisti, ma qui sono solo io a tifare per il cattivo! Comunque, dicevo, a fine episodio Crowley muore!!! Ucciso da Castiel, che brucia le sue ossa!!! :(

Amber Benson nei panni della vampira Lenore

L’episodio 19 è rilevante per quanto mi riguarda perché segna il ritorno nella serie di Amber Benson, una delle mie attrici preferite conosciuta in Buffy the Vampire Slayer. Interpreta Lenore, una vampira con cui i Winchester hanno già avuto a che fare nelle precedenti stagioni. Di lei so solo che non l’hanno uccisa perché ha deciso di non cibarsi più di esseri umani. Purtroppo muore quasi subito, uccisa pure lei da Castiel! Però l’episodio non finisce male per quanto mi riguarda, visto che proprio nel finale ricompare Crowley! Non era morto (ovviamente!), ma è in combutta con Castiel. Veramente interessante questa accoppiata (non posso negarlo, ho shipperato per tutto il resto della stagione per loro due!). Comunque, anche in questo episodio Mark Sheppard non era accreditato, per l’ovvia ragione di tenere segreto fino alla fine il fatto che Crowley non fosse morto.

Negli ultimi tre episodi si sviluppa il finale di stagione. Nell’episodio 20 rivediamo Crowley in alcuni flashback che ci mostrano com’è nata la collaborazione con Castiel. Tra le altre cose Crowley mostra orgoglioso come ha riorganizzato l’Inferno: niente più torture che, vista l’alta percentuale di masochisti, non erano poi così efficaci, ma solo una lunga fila d’attesa che non porta da nessuna parte. Sì, veramente crudelissimo!!

Nell’episodio 21 ho fatto la conoscenza con un personaggio che nella serie era già apparso spesso: Balthazar. L’attore che lo interpreta, Sebastian Roché, ha una bellissima voce e un fascinosissimo accento inglese (pur essendo lui francese). L’ho trovato davvero affascinante, e mi è dispiaciuto non averlo conosciuto prima. Lo rivediamo comunque nell’episodio duccessivo, il 22, giusto per essere ucciso da Castel! Eccheccavolo!!! Mi sta uccidendo tutti i personaggi preferiti (per fortuna che però Crowley non era morto davvero!).

Nel complesso un finale di stagione molto interessante, con l’ennesima strana alleanza (Crowley e Raphael) e l’ennesimo cliffhanger: Castiel che ottiene il potere immenso del Purgatorio, e si proclama nuovo Dio.

Stagione 7

Episodi visti: 1, 5, 6, 8, 22, 23
Sceneggiatori: Sera Gamble, Robbie Thompson, Andrew Dabb, Daniel Loflin, Brad Buckner, Eugenie Ross-Leming
Registi: Philip Sgriccia, John F. Showalter, Tim Andrew, Guy Norman Bee, Robert Singer
Guest Star: Mark Sheppard (Crowley), Julian Richings (Morte), Mark Pellegrino (Lucifero), James Marsters (Don Stark), Charisma Carpenter (Maggie Stark), James Patrick Stuart (Dick Roman), Kim Rhodes (Sceriffo Jody Mills), Michael Hogan (Sceriffo Osborne), DJ Qualls (Garth Fitzgerald IV), Emily Perkins (Becky Rosen), Osric Chau (Kevin Tran), Khaira Ledeyo (Linda Tran), Rachel Miner (Meg)

I mostri da affrontare in questa stagione sono i leviatani, creature antichissime, potenti, crudeli e feroci, venute fuori dal Purgatorio.

Don (James Marsters) e Maggie (Charisma Carpenter) Stark, dall’episodio 5

Stagione assai interessante. I leviatani sono dei gran cattivoni, e davvero molto difficili da uccidere. In più ci sono veramente molti volti noti tra le varie guest star. Cominciamo già con l’episodio 5, che rappresenta l’unica eccezione alle mie visioni supernaturalistiche, ovvero l’unico episodio che ho visto in cui non c’era Mark Sheppard. Non potevo proprio perdermelo, però, visto che le due guest star sono veramente d’eccezione: James Marsters e Charisma Carpenter, ovvero Spike e Cordelia da Buffy the Vampire Slayer e Angel. L’episodio è veramente carino grazie soprattutto a loro due!

Nell’episodio 6 la guest star è Michael Hogan, il Colonnello Tigh di Battlestar Galactica. In questo episodio ho trovato i Winchester particolarmente divertenti, devo dire.

Finale di stagione molto emozionante, probabilmente l’avrei guardato lo stesso anche se non ci fosse stato Crowley. Ancora una volta uno dei protagonisti si ritrova messo male: Dean finisce in Purgatorio, insieme a Castiel.

Stagione 8

Episodi visti: 1, 2, 7, 10, 17, 19, 21, 22, 23
Sceneggiatori: Jeremy Carver, Andrew Dabb, Daniel Loflin, Eugenie Ross-Leming, Brad Buckner, Jenny Klein, Robbie Thompson, Ben Edlund
Registi: Robert Singer, John F. Showalter, Charles Robert Carner, Thomas J. Wright, Guy Norman Bee, Robert Duncan McNeill, Philip Sgriccia
Guest Star: Mark Sheppard (Crowley), Osric Chau (Kevin Tran), Liane Balaban (Amelia Richardson), Ty Olsson (Benny), Lauren Tom (Linda Tran), Tyler Johnston (Samandriel), Amanda Tapping (Naomi), Rachel Miner (Meg), Curtis Armstrong (Metatron), Alaina Huffman (Abaddon), Kim Rhodes (Sceriffo Jody Mills)

La storyline di questa stagione si basa sul profeta Kevin Tran, già conosciuto nella scorsa, e la ricerca delle tavolette contenenti la Parola di Dio.

Solitamente storco un po’ il naso davanti alle serie che durano troppe stagioni, perché vuoi o non vuoi si sa che la qualità va a diminuire, le idee scarseggiano e si rischia di rovinare quella che all’inizio era una bella serie. Ora, sarà che io Supernatural non l’ho vista dall’inizio, sarà che ci sono sempre le eccezioni, sarà per la massiccia presenza di Crowley, ma a me questa stagione è piaciuta proprio tanto, più di tutte le altre.

Kevin Tran, il giovane profeta

Mi è piaciuto Kevin, il profeta. Mi è piaciuta la storyline che lo riguardava, quella del Verbo di Dio. E mi è piaciuta molto anche sua madre! :)

Ho apprezzato anche la storia di Dean e del suo anno passato in Purgatorio, come il racconto di quello che è successo sia venuto fuori episodio dopo episodio.

Mi è piaciuta la “storia” tra Meg e Castiel: non succede niente, in realtà, tra di due, a parte qualche reciproco segno di interesse, e il bacio che si erano scambiati nella sesta stagione. Però Dean nell’episodio 17 conia il termine Megstiel, tipica crasi da fandom, per riferirsi a questa coppia, quindi… è canon! Tra l’altro non è neanche particolarmente originale: la demone e l’angelo… però, che ci posso fare, certi cliché attirano sempre. Peccato comunque che lei muoia proprio un quell’episodio! :(

Mi è piaciuto anche Benny, il vampiro che aiuta Dean ad uscire dal Purgatorio. Proprio un bel personaggio, anche se molto secondario.

Mark Sheppard in una delle sue bellissime espressioni

E poi, bè, ovviamente, ho adorato Crowley alla follia!! Persiste nel portare la barba che gli avevamo già visto nella seconda parte della scorsa stagione, e onestamente non so proprio dire come sta meglio, perché mi piace tantissimo in entrambi i modi! In questa stagione è più cattivo che mai, anzi, è proprio il big bad della situzione stavolta, non c’è alleanza che tenga, è l’acerrimo nemico dei protagonisti e arriva a colpirli molto da vicino. Nell’episodio 2 lo vediamo possedere per breve tempo un altro corpo (quello della madre di Kevin) e devo fare i miei complimenti all’attrice perché stata davvero molto credibile!

Nell’episodio 10 scopriamo che conosce l’enochiano, la lingua degli Angeli (ma quante ne sa!!!), mentre nel 17 scopriamo (o almeno io scopro, nella serie era stato già detto prima) che nel superare la prima prova per chiudere i cancelli dell’Inferno Dean e Sam hanno ucciso il cerbero di Crowley, quello che avevamo “conosciuto” nella quinta stagione! Poverino! Sempre in questo episodio scopriamo anche, nel finale, che ovviamente lui e Naomi (la misterioisa “capa” degli angeli che dà ordini anche a Castiel) si conoscono da tempo.

Nell’episodio 21 scopriamo invece il cervellotico piano che ha messo su per ottenere le traduzioni delle tavolette, piano che implica un complesso incantesimo che fa credere a Kevin di essere libero mentre è suo prigioniero, con tanto di demoni che impersonano Dean e Sam, e Crowley è ovviamente il regista del tutto, come lui stesso dice, dando consigli agli “attori” e lamentandosi del fatto che se non avesse dovuto pensare a dirigere avrebbe potuto fare lui Dean. Anche se Kevin lo frega alla grande in questo episodio, e il povero Crowley nel finale rimane ferito, fa comunque bella figura riuscendo dove anche Naomi aveva fallito, ovvero catturare Castiel e prendersi la tavoletta sugli Angeli. E scopriamo che ha anche un Angelo sul suo libro paga. Ora, dovete capire che io non sono il tipo di persona che può veramente tifare per un cattivo. Anche se amo Crowley non voglio che vinca. Eppure ogni volta che dimostra il suo potere io non posso fare a meno che rallegrarmi, e se viene ferito mi dispiace, e.. bè… non posso negare che quando ottiene una vittoria sono contenta! Perché è troppo adorabile!

L’sms inviato da Crwley ai Winchetser, nell’episodio 22. Notare la faccina.

Nell’episodio 22 telefona ai Winchester e vediamo che sul display appare il numero 666, per non parlare dell’sms con la faccina a diavoletto… e, come ho detto, dà il peggio di sé, in particolare in queste ultime puntate in quanto a ingegno e crudeltà. Dean e Sam sapranno poi trovare il mondo di rendergli pan per focaccia e allo stesso tempo perseguire il loro scopo: l’ultima prova per chiudere i cancelli dell’Inferno è “curare un demone”. Appena ho sentito dire questa cosa, prima ancora di capire di cosa si trattasse, ho subito pensato: speriamo che scelgano Crowley! E infatti i due ragazzi sono costretti a scegliere lui, lo imprigionano e iniziano la cura, che dovrà farlo tornare umano! E le scene durante questa cura, verso la fine, sono a dir poco meravigliose! In basso, opportunamente coperte perché molto spoiler, trovare le frasi che dice Crowley quando l’incantesimo comincia a fare effetto. Là per là io non era ancora convinta che fosse sincero, temevo stesse prendendo in giro Sam per convincerlo, ma ben presto appare chiaro che la cura sta davvero facendo effetto, specie quando alla fine si mette a parlare di perdono, e di come lui non sappia neanche come iniziare a cercarlo, per poi offrire docilmente il collo a Sam per l’ultima iniezione… e devo dire che a quel punto la lacrimuccia mi è scesa! Peccato (o forse per fortuna?) che poi alla fine la cura non verrà completata perché Dean scopre che completare le prove per chiudere i Cancelli avrebbe ucciso Sam. Ammetto che, a prescindere da Crowley, questa storyline delle prove per chiudere i cancelli alla fine mi ha preso molto, forse avrei guardato gli ultimi episodi anche senza di lui. Ma per fortuna comunque lui non solo c’era, ma era anche piuttosto importante, e mi ha regalato le scene più belle di tutta la serie! Peccato che sul più bello viene fuori l’ennesimo noioso confronto tra Dean e Sam… non ci possa fare niente, per quanto questi due mi piacciono, e mi piaccia il loro rapporto, quando fanno così non li sopporto! Noiooooosi! Tanto che mi chiedo com’è possibile che gli stessi sceneggiatori che scrivono queste scene barbose tra Sam e Dean (o le loro litigate sempre uguali, o quelle tra Dean e Castiel, e la mosceria di Sam con qualche ragazza), siano poi gli sessi che scrivono le meravigliose battute di Crowley! :)

Crowley nell’ultimo episodio

Comunque, la stagione finisce con veramente molta carne al fuoco e parecchie questioni in sospeso. Abbiamo Sam e Dean che si sono per l’ennesima volta dichiarati amore fraterno, Castiel che non si capisce se è diventato umano, la pioggia di angeli che cade dal cielo (immagine molto suggestiva, non posso negarlo), Kevin in procinto di tornare ad una vita normale… e a me di tutto questo quanto me ne cale? Pochissimo, io voglio solo sapere di Crowley!!! E me lo lasciano lì legato e quasi umanificato ma non del tutto, che osserva confuso gli angeli che cadono… e uffa!!!!!!!!!! Non ci posso credere che mi hanno dato tute queste emozioni sul ritorno dei suoi sentimenti e della sua coscienza, e poi non se n’è fatto niente! Ora tocca aspettare ottobre per sapere cosa succederà, con l’inizio della nona stagione.

Informazioni sul telefilm

Serie creata da Eric Kripke

Titolo: Supernatural
Titolo originale: Supernatural
Stagioni: 5,6,7,8/10?
Episodi: 88 titali, di cui io ne ho visti solo 26
Anno: 2009/2013
Paese: USA
Canale: The CW
Genere: sopranaturale, drama, horror, fantasy, azione

Attori: Jared Padalecki (Sam Winchester), Jensen Ackles (Dean Winchester), Misha Collins (Castiel), Jim Beaver (Bobby Singer)

Sito ufficiale

Un po’ di frasi

They burned down my house! They ate my tailor!
Hanno bruciato la mia casa! Hanno mangiato il mio sarto!
Crowley si lamenta degli effetti del suo tradimento nei confronti di Luficero
(Stagione 5, Episodio 20)
Went over to a demon’s nest, had a little massacre. Must be losing my touch, though. Let one of the little toads live. Oops! Also might have given said toad the impression that you left your post last night because you and I are… wait for it… Lovers in League Against Satan. Hello darling. So now death is off the table. Now you get to be on the boss’s eternal torment list with little old me.
Sono andato in un covo di demoni, e ho fatto un piccolo massacro. Devo aver perso il mio tocco, però. Ho lasciato vivere uno di quei rospetti. Ops! Inotre credo di aver dato al suddetto rospo l’impressione che tu avessi lasciato il tuo posto ieri notte perché tu e io siamo… senti questa… Amanti Uniti Contro Satana. Ciao tesoro. Quindi, ora la morte è fuori dai giochi. Sarai sulla lista di eterno tormento del capo, insieme a me.
Crowley al demone Brady
(Stagione 5, Episodio 20)
Castiel: How did you get that?
Crowley: [Pointing to himself] Hello, King of the Crossroads!
Castiel: Come l’hai ottenuto?
Crowley: [Indicando se stesso] Ciao, il Re dei Crocevia!
(Stagione 5, Episodio 21)
Dean: How do you know?
Crowley: Have you met me? ‘cause I know.
Dean: Come fai a saperlo?
Crowley: Ma mi conosci? Perché lo so.
(Stagione 5, Episodio 21)
Crowley: I thought when I got the corner office, it was all going to be rainbows and two-headed puppies. But if I’m being honest, it’s been hell.
Bobby: I thought that was the point.
Crowley: You know what the problem with demons is?
Bobby: They’re demons?
Crowley: Exactly. Evil, lying prats, the whole lot of them. And stupid. You try to show them a new way, a better way, and what do you get? Bugger all! You know, there’s days that I think Lucifer’s whole “spike anything with black eyes” plan wasn’t half bad. Hpph. Feels good to get it off my chest. We should make this a thing.
Bobby: Do I look like Dr. Phil to you?
Crowley: A little.
Crowley: Pensavo quando ho raggiunto i piani alti, che sarebbe stato tutto arcobaleni e cuccioli a due teste. Ma se devo essere onesto, è stato un inferno.
Bobby: Pensavo fosse quello il punto.
Crowley: Sai qual è il problema con i demoni?
Bobby: Che sono demoni?
Crowley: Esatto. Crudeli, bugiardi incapaci, tutti quanti. E stupidi. Prova a mostrare loro una nuova via, una via migliore, e che cosa ottieni? Un bel niente! Sai, ci sono giorni in cui penso che tutto quel piano “infilza qualunque cosa abbia gli occhi neri” di Lucifero non era niente male. Hpph. E bello potermi finalmente toglire questo peso. Dovremmo farlo più spesso.
Bobby: Ti sembro forse il Dottor Phil?
Crowley: Un po’.
(Stagione 6, Episodio 4)
So… we clear? Me Charlie, you Angels.
Quindi… ci siamo capiti? Io Charlie, voi gli Angeli.
Crowley ai Winchester quando dice loro che sono obbligati a lavorare per lui
(Stagione 6, Episodio 7)
Sorry, but you’re exeptional good look’s not gonna buy you any mercy.
Mi dispiace, ma il tuo splendido visino non ti farà ottenere un minimo di pietà.
Crowley a un mutaforma che aveva presto le sue sembianze
(Stagione 6, Episodio 10)
Am I the only game piece on the board who doesn’t underestimate those denim-wrapped nightmares?!
Sono io l’unico pezzo sulla scacchiera che non sottostima quei due incubi avvolti nel denim?!
Crowley a proposito di Dean e Sam
(Stagione 6, Episodio 20)
Castiel: I’m not interested in talking with you.
Crowley: Why not? I’m very interesting.
Castiel: Non mi interessa parlare con te.
Crowley: Perché no? Io sono molto interessante.
(Stagione 6, Episodio 20)
I’d rather ask forgiveness than permission.
Preferisco chiedere il perdono che il permesso.
Crowley
(Stagione 6, Episodio 21)
This isn’t Wall Street, this is Hell! We have a little something called integrity.
Questa non è Wall Street, questo è l’Inferno! C’è quella cosina che chiamiamo integrità.
Crowley
(Stagione 7, Episodio 8)
Crowley: Dean. Looking… well, let’s just say Purgatory didn’t do you any favors. Where’s your angel?
Dean: Ask your mother.
Crowley: There’s that grade-school zip. Missed it. I really did.
Crowley: Dean. Il tuo aspetto… bè, diciamo che il Purgatorio non ti ha fatto proprio bene. Dov’è il tuo angelo?
Dean: Chiedilo a tua madre.
Crowley: Ecco la battuta da scuola elementare. Mi sono mancate. Sul serio.
(Stagione 8, Episodio 1)
Crowley: Chin up, gentlemen. I’m a professional.
Dean: This ain’t over by a long shot, Crowley.
Crowley: Really, Dean? Who writes your stuff? A marshmallow?
Crowley: Su col morale, signori. Sono un professionista.
Dean: Non finisce di certo qui, Crowley.
Crowley: Sul serio, Dean? Chi ti scrive le battute? Un marshmallow?
(Stagione 8, Episodio 1)
What on earth could you possibly need now, Viggo? I’ve given you every torture instrument known to man. Short of a Neil Diamond album.
Di cosa diavolo potrai mai aver bisogno adesso, Viggo? Ti ho fornito ogni strumento di tortura noto all’uomo. Ad eccezione di un album di Neil Diamond.
Crowley
(Stagione 8, Episodio 10)
I am forever.
Io sono eterno.
Crowley
(Stagione 8, Episodio 19)
I was thinkin’ to myself: “Self, …”
Dicevo a me stesso: “Me stesso, …”
Crowley
(Stagione 8, Episodio 21)
I am the daringest devil you’ve ever met, love.
Sono il diavolo più audace che tu abbia mi incontrato, tesoro.
Crowley a Naomi
(Stagione 8, Episodio 21)
Just the raw, wild invention of God’s naked apes… it was mind-blowing. But really, really… it was your storytelling. That is the true flower of free will, at least as you’ve mastered it so far. When you create stories, you become gods of tiny intricate dimensions unto themselves. So many worlds. I have read as much as it’s possible for an angel to read, and I haven’t caught up.
La rozza, folle invenzione delle scimmie nude di Dio… è stato stupefacente! Ma la cosa… la cosa migliore… è stata la vostra narrazione. Quello è il vero fiore del libro arbitrio. Almeno per come l’avete padroneggiata finora. Quando create storie, diventate degli dei di minuscole, intricate dimensioni. Così tanto mondi!
Methatron
(Stagione 8, Episodio 21)
First things first: what are you wearing?
Prima le cose più importanti: che cosa indossi?
Crowley al telefono con Sam
(Stagione 8, Episodio 22)
Dean: Son of a bitch!
Crowley: Son of a witch, actually. My mommy taught me a few tricks.
Dean: Figlio di puttana!
Crowley: Figlio di una strega, per la verità. La mia mamma mi ha insegnato qualche trucchetto.
[Nella traduzione questa si perde un po’, non c’è il gioco di parole bitch/witch]
(Stagione8 , Episodio 22)
Spoiler per l'episodio 8x23 Leggi

Argomenti



ATTENZIONE! Se devi scrivere uno spoiler, racchiudilo nei tag [spoiler title="SPOILER"][/spoiler]. Puoi usare inoltre i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: