scritto da Phoebes
lunedì 15 agosto 2016
alle 20:20
Categoria : Manfredi

di Valerio Massimo Manfredi

Alèxandros
La sabbie di Amon

Titolo: Il figlio del sogno
Serie: Alèxandros (1)
Genere: storico, avventura
Autore: Valerio Massimo Manfredi (sito ufficialeWikipedia)
Nazione: Italia
Anno prima pubblicazione: 1998
Ambientazione: Macedonia, IV secolo a.C.
Personaggi: Alessandro Magno, Filippo di Macedonia, Efestione, Olympias, Alessandro d’Epiro, Aristotele
Casa Editrice: Mondadori
Immagine di copertina: Luca Tarlazzi © 3ntini Edizioni
Pagine: 281
Provenienza: Libreria, 4 giugno 2011
Link al libro: SITO UFFICIALEIN LETTURAANOBIIGOODREADS
inizio lettura: 26 giugno 2016
fine lettura: 7 agosto 2016


«Stai parlando sul serio?» domandò Seleuco.
«Non scherzo mai durante i consigli di guerra. E adesso muoviamoci.»
Tutti i presenti si guardarono stupefatti: era evidente che nessun ostacolo, nessuna barriera umana o divina avrebbe mai fermato Alessandro.

(Pagina 240)

L’infanzia e l’adolescenza di Alessandro, fino ad arrivare all’età adulta, quando non era ancora il Grande, ma c’erano tutte le premesse.

L’inizio di questo romanzo mi ha un po’ spiazzata: immaginavo che sarebbe stata presente una componente soprannaturale, ma non mi aspettavo di trovarla così subito e così marcata: una serie di segni e sogni premonitori annuncia l’arrivo sulla Terra di un essere eccezionale. La trama prende infatti l’avvio da prima della nascita di Alessandro, e segue la sua infanzia e giovinezza fino all’inizio della spedizione verso l’Asia. La prima parte devo dire l’ho trovata abbastanza noiosa, non mi ha preso molto, quando finalmente Alessandro diventa adulto, specie dopo la morte di Filippo (quest’ultima cosa non è esattamente spoiler in quanto è storia, ma per sicurezza io copro).

L’ambientazione è interessante. Da un punto di vista fisico ci sono ogni tanto belle descrizioni della natura ancora molto selvaggia e solo in piccolissima parte domata dall’uomo, e ogni tanto anche qualche descrizione di qualche palazzo. Soprattutto però mi è piaciuta l’ambientazione fatta di riferimenti e personaggi storici. Abbiamo per esempio, ovviamente, Demostene e le sue Filippiche, oppure la grande ammirazione per Atene, o ad esempio l’incontro di Alessandro con Diogene e il loro famoso scambio di battute:

Alessandro: Salve, Diogene. Chi ti sta di fronte è Alessandro di Macedonia. Chiedimi ciò che vuoi e io sarò felice di dartelo.
Diogene: Qualunque cosa?
Alessandro: Qualunque cosa.
Diogene: Allora fatti in là che mi fai ombra.

(Pagina 170)

Moltissimi altri personaggi, quasi tutti storici (magari con qualche licenza poetica) o comunque facenti parte della “mitologia” di Alessandro Magno, gravitano intorno all’eroe di questa trilogia: il padre Filippo, la madre Olympias, le amanti Leptine e Pancaspe, lo scultore Lisippo, il pittore Apelle, lo zio omonimo Alessandro d’Epiro, e poi il gruppo di amici, tra cui ricorderei soltanto Efestione (miglior amico e amante) e Callistene (nipote di Aristotele).

Alexander the Great by MonaVl on DeviantArt

E poi c’è Alessandro. Da parte di madre discendente sia di Achille che di Ettore, da parte di padre erede del più grande regno greco del momento, sembra un semidio, anche da bambino chi lo guardava vedeva nei suoi occhi che da grande sarebbe diventato un grande uomo… ma dai!!!!! Non mi è piaciuta questa rappresentazione di Alessandro, è un po’ quel tipo di personaggio che sopporto poco: è grande, straordinario, affascinante perché tutti dicono così, perché è circondato da gente che lo ammira e che lo adora, non è che noi possiamo davvero testimoniare queste sue qualità. Soltanto quando cresce effettivamente cominciamo a vedere questa sua grandezza anche nelle sue azioni e non più solo negli occhi degli altri personaggi. E purtroppo poco dopo il libro finisce. Spero quindi che i prossimi saranno più interessanti.

Lo stile è piacevole, anche se mi ha un po’ stranito i passaggi da uno stile a tratti epico a tratti quotidiano, però in effetti era adatto di volta in volta alla scena. Una critica “seria” però ce l’ho da fare: neanche Manfredi è riuscito ed evitare l’inserimento ogni tanto di frasi in greco! È una cosa che capita spesso, specie nei romanzi storici, ma che io trovo fuori luogo: i personaggi parlano sempre in greco, che senso ha ogni tanto mettere lì qualche frase in quella lingua?

La copertina di questa mia edizione, che comprende tutti e tre i romanzi della trilogia, è carina ma non mi soddisfa pienamente. C’è il volto di una statua di Alessandro, e nello sfondo un cielo tempestoso e un esercito. Gradevole da vedere, ma non so perché non mi convince. Il titolo onestamente non mi piace. Il figlio del sogno è ovviamente Alessandro, e il sogno penso sia quello della madre Olympias che le preannuncia un grande destino per il nascituro.

Il segnalibro che ho usato durante la lettura è stato realizzato da arsdraconis

Commento generale.

Probabilmente ho letto questo libro in un periodo sbagliato, letto appena comprato mi sarebbe piaciuto di più, ora ho un po’ perso la fascinazione per questo tipo di cose. Alessandro assomiglia infatti un po’ a Ramses (che pure riletto anni dopo ho trovato meno entusiasmante di quanto ricordavo): è un personaggio superiore fin da bambino, gli amici d’infanzia saranno poi i compagni da adulti, ognuno con le sue caratteristiche, tutti fedelissimi, e poi in entrambe le storie è presente il sentore di un destino grandioso che attende il protagonista. Tutto questo una volta mi piaceva, adesso lo trovo un po’ noioso e forse anche ripetitivo. Quando finalmente Alessandro diventa re il libro si stava facendo più interessante, come ho detto la grandezza di Alessandro cominciava finalmente a palesarsi e non era più dovuta a una sorta di “magia”, in più ho trovato anche interessante l’idea dell’indagine svolta da Aristotele e Callistene sulla morte di Filippo (spero continuerà nel prossimo romanzo). Insomma, direi che è finito proprio sul più bello!

Bonus
A pagina 55 di questo romanzo Olympias legge al figlio i versi di una poesia che stava leggendo. Guarda caso è di nuovo quella poesia di Saffo denominata frammento 168 che era stato il mio brano preferito leggendo le Poesie di questa autrice, e di cui avevo anche riparlato QUI. È sempre bellissima, anche se Olympias non mi stava simpaticissima, mi ha emozionato molto lo stesso!

Sfide

Mini recensione

Alessandro Magno
è Grande fin da piccolo attraverso gli occhi degli altri
in attesa lo diventi veramente.

Un po’ di frasi

I quattro Magi salivano a passi lenti i sentieri che conducevano alla sommità della Montagna della luce: giungevano dai quattro punti dell’orizzonte portando ognuno una bisaccia con i legni profumati destinati al rito del fuoco.
[incipit]

Lui le prese la mano e la strinse fra le sue come se si rendesse conto che quella creatura era unita a lui da un legame profondo e che, per molto tempo, sarebbe stata la sua sola compagna.
Alessandro la prima volta che vede la sorellina appena nata, Cleopatra
(Pagina 25)

È destino dell’uomo sopportare ferite e malattie e dolori e morte prima di sprofondare nel nulla. Ma agire con onore ed essere clemente ogni volta che è possibile è nella sua facoltà e nella sua scelta. Questa è l’unica dignità che gli è concessa da quando è messo al mondo, l’unica luce prima delle tenebre di una notte senza fine…
Alessandro
(Pagina 235)

Alessandro l’ha trascinata a forza verso il tripode per obbligarla a dargli il vaticinio. […] A quel punto, la pizia ha gridato fuori di sé: “Ma non è possibile resisterti, ragazzo!”. Allora Alessandro si è fermato, colpito da quella frase, e ha detto: “Come responso mi va bene”.
Antipatro racconta a Parmenione la visita di Alessandro a Delfi
(Pagina 246)

explicit Leggi

Argomenti



ATTENZIONE! Se devi scrivere uno spoiler, racchiudilo nei tag [spoiler title="SPOILER"][/spoiler]. Puoi usare inoltre i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: