scritto da Phoebes
domenica 3 Agosto 2008
alle 23:37
Categoria : Yoshimoto

Sly

di Banana Yoshimoto

Ricordo stranamente bene quel pomeriggio. Il giorno dopo la festa di Takashi.
Il tempo era sereno e dalla finestra si vedevano il cielo azzurro e la luce. In un soggiorno, buio rispetto all’esterno, qualcosa era nato tra di noi segnando nello stesso istante l’inizio e la fine di un periodo.
Ricordo bene che anche se partecipavo alla conversazione, il mio animo errava e fissava i raggi del sole che danzavano al di là della finestra della cucina nello stesso modo in cui si osservano degli esseri animati.
[incipit]

Sly è il racconto di un viaggio fatto dalla protagonista insieme a due amici in Egitto.
Questo è il romanzo di Banana che finora mi è piaciuto di meno. Già normalmente nelle sue storie ci sono pochi avvenimenti, ma qui tutto si riduce davvero solo alla descrizione del viaggio. E forse il traduttore diverso dal solito (che però, c’è scritto nel Postscriptum, ha fatto quel viaggio insieme alla Yoshimoto) ho contribuito a non farmelo piacere. Non so, non è che sia stato proprio brutto, ma non mi ha dato la soddisfazione che di solito mi danno i libri di Banana. Però, di sicuro mi ha fatto venire una gran voglia di visitare l’Egitto!

Scheda del libro


Titolo: Sly
Autore: Banana Yoshimoto
Titolo originale: Sly
Anno prima pubblicazione: 1996
Casa Editrice: Feltrinelli
Traduzione: Alessandro Giovanni Gerevini
aNobii: LINK
Sfide: 50 libri per un anno e 5 libri (di donne) per 5 mesi.

Segnalibri: quello che ho usato durante la lettura (qui a destra) è stato realizzato da me! ;)
L’ex-libris, invece, è stato realizzato da NebulaQueen.

Un po’ di frasi

Com’era stato per il tramonto di un indimenticabile ultimo giorno di vacanza, i ricordi dalle tinte forti non si potevano creare senza l’aiuto della natura. Anche se lei non si faceva alcun riguardo nei nostri confronti, o se non gliene importava niente del fatto che fossimo vivi o morti, la natura ce ne regalava a iosa. Di tramonti così grandiosi. Dal momento in cui il sole sorgeva al mattino, senza un instante di tregua, continuava a donarci un’infinità di scene modificandole di momento in momento.

<

p class=cit>Sono convinto che le persone non riuscirebbero a formarsi completamente se dovesse mancare loro anche soltanto uno degli elementi con cui sono in relazione, gli amici, i genitori, i parenti, le persone in vita, quelle morte, o, che so, le piante e gli animali.

Argomenti



ATTENZIONE! Se devi scrivere uno spoiler, racchiudilo nei tag [spoiler title="SPOILER"][/spoiler]. Puoi usare inoltre i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: