scritto da Phoebes
sabato 21 20 Marzo15
alle 23:10
Categoria : Benson


di Amber Benson

The Witches of Echo Park
???

Titolo: The Witches of Echo Park
Serie: The Witches of Echo Park (1)
Titolo italiano: nessun libro di Amber Benson, che io sappia, è stato finora tradotto
Genere: urban fantasy
Autore: Amber Benson (blog ufficialesito ufficialeWikipediaIMDb)
Nazione: USA
Anno prima pubblicazione: 2015
Ambientazione: Echo Park (Los Angeles), California (USA), giorni nostri
Personaggi: Eleanora, Lyse detta Bear, Devandra, Arrabelle, Daniela, Lizbeth, Weir
Casa Editrice: Ace – Penguin Books
Copertina: disegno di Larry Rostant, progetto grafico di DianaKolsky
Pagine: 294
Provenienza: Book Depository
Link al libro: BLOG UFFICIALEIN LETTURAANOBIIGOODREADS
inizio lettura: 14 febbraio 2015
fine lettura: 24 febbraio 2015


“It’s in the blood.”
Hessika’s voice was low and gravelly as she spoke, her drawn in Cupid’s-bow lips overenunciating each word.
[incipit]

Lyse riceve dalla prozia Eleanora una terribile notizia: la donna sta morendo a causa di una malattia del sangue. Lyse corre in California nella casa dove ha passato buona parte della sua vita, da quando a circa 12 anni era rimasta orfana ed era stata accolta da questa sua lontana parente. Quello che Lyse non sa è che Eleanora è il capo della congrega di streghe di Echo Park, e vuole che Lyse prenda il suo posto dopo la sua morte.

Amber Benson, l’autrice di questo libro. La foto è presa dal suo profilo Instagram.

Piccola premessa sul perché e il percome sono arrivata a leggere questo libro, se non vi va di leggere saltate al prossimo paragrafo! :) Ho conosciuto Amber Benson perché interpretava la parte di Tara Maclay nel telefilm Buffy the Vampire Slayer. Adoravo il personaggio così mi sono incuriosita sull’attrice, tanto che avevo addirittura creato un sito dedicato a lei. Ho continuato a seguirla negli altri suoi progetti dopo la fine della serie, che sono stati moltissimi. Amber è infatti anche una regista, sceneggiatrice, produttrice nonché cantante. E diventa anche scrittrice, firmando a quattro mani con Christopher Golden una serie fantasy fatta di libri e cortometraggi animati nonché la sceneggiatura di un fumetto. Tempo dopo inizia anche delle serie, sempre fantasy, scritte in solo che mi incuriosirono molto, ma ovviamente a tutt’oggi non sono arrivate in italiano, e a quel tempo io non leggevo in inglese. Nell’ottobre scorso Amber ha annunciato l’inizio di una nuova saga dedicata alle streghe con un giveaway per partecipare la quale bisognava preordinare il romanzo. Ho pensato potesse essere la volta buona per leggere un libro scritto da lei (e solo da lei), visto che ora i libri in inglese li leggo, e così ho partecipato. Non ho vinto, ma il libro comunque l’ho comprato, è arrivato a gennaio e contrariamente al mio solito non ho fatto passare troppo tempo prima di leggerlo.

La trama è molto da primo libro di una serie, vengono presentati i personaggi e la situazione, e ci lascia alla fine con più domande che risposte. C’è una minacciosa Inondazione (the Flood) che incombe, anche se nessuno sa bene di che si tratta. C’è il passato de Eleanora che si scopre a poco a poco. Ci sono i Dream Keeper (Custodi dei Sogni?), una figura molto importante ma le cui capacità non ancora ben spiegate. Ci sono le streghe, donne molto diverse per età, vita, sentimenti, idee, ma unite nella congrega e consce del loro importante ruolo per la salvezza del mondo.

echo park lake by rileyzimpact on DeviantArt

La storia si svolge quasi interamente a Echo Park, un quartiere di Los Angeles, un’ ambientazione interessante, con le sue feste che coinvolgono il vicinato, i locali, le case pittoresche, e il vicino bosco sacro che racchiude uno degli importanti punti magici del mondo.

I personaggi mi sono piaciuti molto. Le protagoniste, di cui nei vari capitoli vediamo i punti di vista (molto Martin-style) sono, come ho detto, donne molto diverse tra loro. Eleanora è la più anziana, capo della congrega, Lyse non sa nulla di streghe e roba simile e vi si trova catapultata dentro tutto all’improvviso, Devandra è spostata e ha due figlie, Arrabelle è dura e all’apparenza cinica, Daniela è l’ultima aggiunta prima di Lyse, Lizbeth è poco più che un’adolescente. Ciò che mi ha più colpito è che queste donne sono tutte quante, tutto sommato, donne normalissime. Non so cosa mi aspettassi da delle streghe, ma pensavo avrebbero avuto un qualche tipo di potere. In effetti ce l’hanno, ma parliamo di empatia, preveggenza e cose simili, fisicamente sono tutte “deboli” come un qualunque essere umano, fragili di fronte a problemi di salute (vedi Eleanora) come ad attacchi fisici. Solo alla fine la magia si manifesta in maniera potente, con la Signora del Lago che salva Lyse.

Jared Padalecki, l’attore che mi è subito venuto in mente leggendo di Weir, perché è molto alto e indossava un cappello la prima volta che lo incontriamo.

Sempre tra i personaggi devo annoverare però l’unica cosa che veramente mi ha deluso di questo libro, ovvero Weir, l’unico personaggio maschile di una certa rilevanza. Compare a pagina 45, e inizia subito a starmi sulle scatole! Il libro mi stava piacendo molto, ma poi arriva lui, ancora non sapevo il suo nome, e già mi stava rovinando la lettura! Perché lo odio così tanto? A dire il vero non saprei neanche spiegarlo con esattezza, anche perché quando lo conosciamo un po’ meglio, sembra una persona piacevole. Forse quello che veramente mi infastidisce sono le reazioni di Lyse, che già al primo sguardo è innamorata cotta, soggiogata dal suo fascino, e lui è tutto sicuro di sé, affascinante, eccetera eccetera. Devo dire che comunque la relazione che nasce tra i due alla fine ho smesso di detestarla, specie quando a p. 244 leggiamo in proposito una riflessione di Lyse: She[Lyse]’d never had that in a lover before, and suddenly she understood that being with him was, for her, no different from being alone. He didn’t take anything away, only added to the equation. ([Lyse] non aveva mai avuto questo in un innamorato, e all’improvviso si rese conto che essere con lui era, per lei, per niente diverso che essere da sola. Lui non portava via niente, aggiungeva soltanto all’equazione.

Quando ho iniziato a leggere questo libro confesso avevo molta paura potesse non piacermi. Certo, prima di questo Amber aveva già scritto diversi libri, ma se non sbaglio tutti per ragazzi, quindi mi dicevo: e se non mi piace come scrive? Se il suo stile è troppo semplice, da libro per ragazzi anche in questo per adulti? Insomma, avevo paura di rimanere delusa! Leggendo il mio commento finora avrete capito che così non è stato, perché (a parte il personaggio di Weir che non mi ha convinta) il libro mi è piciuto parecchio! :)

La copertina mi piace molto, è un’immagine semplice ma bella e attinente (è facile riconoscere subito in Lyse la ragazza rappresentata), e mi piace molto anche la grafica, con la foto a tutta paina e il titolo scritto con un carattere particolare. A proposito di quest’ultimo, forse è un po’ banalotto ma tutto sommato non mi dispiace, va dritto al sodo! :)

Il segnalibro che ho usato durante la lettura è stato realizzato da me e ritrae proprio l’autrice Amber Benson.

Commento generale.

Un urban fantasy (genere che non bazzico moltissimo) davvero bello, un po’ lento all’inizio ma comunque interessante, mentre nel finale quasi corre e diventa emozionantissimo! Quasi tutti bei personaggi, a cui mi sento già affezionata! La fine ci lascia con tanti dubbi e tantissima curiosità, che non vedo l’ora di leggere il seguito!

Sfide

Mini recensione (1-5 parole)

Adult Urban Fantasy: very interesting!

Un po’ di frasi

She had always taken shelter in denial, using sarcasm and disdain to distance herself from pain.
Aveva sempre cercato riparo nella negazione, usando sarcasmo e disdegno per distanziarsi dal dolore.
(Pagina 10)

It felt as though she were made for reading, the way the words rolled around on her tongue like candy.
Sembrava come se lei fosse fatta per leggere, il modo in cui le parole le rotolavano sulla lingua come una caramella.
(Pagina 61)

explicit Leggi

Argomenti



ATTENZIONE! Se devi scrivere uno spoiler, racchiudilo nei tag [spoiler title="SPOILER"][/spoiler]. Puoi usare inoltre i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: