scritto da Phoebes
mercoledì 29 20 Aprile09
alle 17:59
Categoria : Salinger

di J.D. Salinger

Se davvero avete voglia di sentire questa storia, magari vorrete sapere prima di tutto dove sono nato e com’è stata la mia infanzia schifa e che cosa facevano i miei genitori e compagnia bella prima che arrivassi io, e tutte quelle baggianate alla David Copperfield, ma a me non mi va proprio di parlarne.
[incipit]

La storia è raccontata in prima persona dal giovane Holden Caulfield, che ci fa un resoconto dettagliato di tre giorni della sua vita, dopo essere stato appena buttato fuori dall’ennesima scuola.

Questa per me è stata una rilettura, che volevo fare da molto, perché sentivo spesso commenti molto lusinghieri, addirittura adoranti, su questo libro, mentre io ne avevo un ricordo davvero pessimo.
Bè, in effetti mi ricordavo male, non è brutto come credevo. Ma non è neanche così bello. Per citare (mossa un po’ meschina, me ne rendo contro!) lo stesso Holden: Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l’autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira. Ecco, questo non è per me un libro di quel tipo. E forse il giudizio negativo che gli diedi allora, il dubbio che ho ancora adesso se dagli 2 o 3 stelline, è dovuto principalmente alla sua fama, che mi ha portato ad aspettarmi da Il Giovane Holden chissà cosa. Insomma, sono esagerati tutti, o non è il libro che fa per me? Io direi un po’ entrambe le cose.
Nella nota di traduzione, all’inizio del libro, c’è scritto che «Holden Caulfield è un personaggio ormai famoso e proverbiale negli Stati Uniti, l’eroe eponimo di tutta una generazione.». Ecco, questo mi sembra esagerato. Posso certo capire che ci si possa immedesimare, ma per quanto mi riguarda neanche così tanto, non riesco proprio a vedere questo personaggio come un “eroe” (con tutte le sfumature di significato che questa parola può avere).
Insomma, ragionando e riflettendo alla fine mi sono resa conto che la maggior parte delle critiche che ho da fare dopo questa lettura non sono sul libro in sé, ma sui commenti che leggo in giro, perché non solo non li condivido, ma mi irrita pure un po’ il fatto che tante persone vedano tante cose che io proprio non riesco a vedere in questo libro. Allora, mi sono detta, prendiamo un attimo di pausa, e cerchiamo di capire cosa penso io, e io soltanto, di questo libro.
Analizzandolo con la massima obiettività di cui sono capace, vengono fuori un paio di cose che in effetti generalmente apprezzo poco, e che quindi, pur non essendo fattori assolutamente negativi, me lo fanno piacere di meno. Una è per esempio il linguaggio. Capisco l’esigenza di risultare naturale e realistico, ma un’imprecazione ogni 2×3 è proprio fastidiosa! E c’ho messo un bel po’, direi 3/4 di libro, ad abituarmi al modo di parlare di Holden, anzi, mi sa che fino all’ultima pagina ancora un pochettino ha continuato a suonarmi male. Poi, delle volte Holden ha quegli atteggiamenti così presuntuosi e al tempo stesso vittimistici che odio quando ritrovo sia nelle persone che nei personaggi, e che non riesco proprio a scusare.
Ma, sempre cercando di essere obiettiva e non farmi influenzare, alla fin fine opto per le 3 stelline. Perché ci sono stati dei pezzi che mi sono piaciuti molto. Per esempio quando parla con le due suore, e il suo giudizio su Romeo e Giulietta, poi i pattini della bambina o la storia della cartolina al timpanista (e in genere quasi sempre quando ricordava il fratello Allie). Anche Holden stesso, in alcuni momenti, mi piaceva moltissimo.
Peccato infine per l’intraducibilità del titolo, perché in effetti l’immagine dell’acchiappatore nella segale è una delle cose più belle di tutto il libro (non mi dilungo a spiegare la cosa, tanto lo fa benissimo la wikipedia).

Scheda del libro

Titolo: Il giovane Holden
Autore: J.D. Salinger
Titolo originale: The Catcher in the Rye
Anno prima pubblicazione: 1951
Casa Editrice: Einaudi
Traduzione: Adriana Motti
Pagine: 248
aNobii: LINK

Un po’ di frasi

[…] nell’auditorium c’era un odore cosí buono. Un odore come se fuori piovesse anche quando non pioveva, e voi eravate nell’unico posto piacevole, asciutto e caldo del mondo.

[Parlando delle visite fatte da bambino al Museo di Storia Naturale]
Nessuno era mai diverso. L’unico a essere diverso eri tu. Non è che fossi molto piú grande né niente di simile. Non era proprio questo. Era solo che eri diverso, ecco tutto. Stavolta avevi addosso il soprabito, magari. Oppure il bambino che era stato vicino a te l’ultima volta si era preso la scarlattina e ora avevi un altro compagno. Oppure non era la signorina Aigletinger ad accompagnare la scolaresca ma una supplente. Oppure avevi sentito papà e mamma che litigavano come due forsennati nella stanza da bagno. O per la strada eri appena passato vicino a una di quelle pozzanghere dove la benzina fa l’arcobaleno. Voglio dire, eri diverso, per una ragione o per l’altra – non so spiegare quello che ho in mente. E anche se sapessi farlo, non sono sicuro che ne avrei voglia.

<

p class=cit>Ciò che distingue l’uomo immaturo è che vuole morire nobilmente per una causa, mentre ciò che distingue l’uomo maturo è che vuole umilmente vivere per essa.
Wilhelm Stekel, citato dal professor Antolini

Argomenti



ATTENZIONE! Se devi scrivere uno spoiler, racchiudilo nei tag [spoiler title="SPOILER"][/spoiler]. Puoi usare inoltre i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: