Le avventure di Pinocchio

di Carlo Collodi

C’era una volta…
– Un re! – diranno subito i miei piccoli lettori.
No, ragazzi, avete sbagliato. C’era una volta un pezzo di legno.

[incipit]

Da un pezzo di legno, il vecchio Geppetto costruisce un burattino che ne combinerà di tutti i colori. Ma in fondo lui voleva solo diventare un bambino vero.

Era da tempo che volevo leggere questo libro, dopo aver visto innumerevoli versioni (film, cartoni, musical…) volevo proprio leggere la versione originale! Purtroppo tutte queste precedenti rappresentazioni mi hanno condizionata, tanto che mi riesce un po’ difficile dire se il libro m’è piaciuto o no!

Le tre stelline* sono comunque quasi d’obbligo, se non altro per essere stato il capostipite di tutti i libri, film e quant’altro sul “burattino” che vuole diventare un “bambino vero”! E poi, oh, Collodi è l’autore italiano più tradotto nel mondo!! Mica pizza e fichi!!! 😉

Però, nonostante le varie versioni che avevo già visto, questa lettura mi ha comunque portato a scoprire due cose che non sapevo:

1) La rivista il Gambero Rosso prende il nome da questo libro!

2) Lucignolo è un soprannome, in realtà il ragazzo si chiama Romeo!

Il segnalibro che ho usato durante la lettura è stato realizzato da Fragola.

Titolo: Le avventure di Pinocchio
Genere: ragazzi, romanzo di formazione, fantasy
Autore: Carlo Collodi
Nazionalità: italiana
Prima pubblicazione: 1881
Ambientazione: Toscana (Italia), XIX secolo
Personaggi: Pinocchio, Mastro Geppetto, la Bambina dai capelli turchini, Mangiafoco, il Gatto e la Volpe, Lucignolo
Casa Editrice: Giunti Editore
Illustrazioni: Attilio Mussino
Pagine: 247
Link al libro: SITO UFFICIALEGOODREADSANOBII
inizio lettura: 19 aprile 2009
fine lettura: 29 aprile 2009

Sfide

Trasposizioni

Pinocchio (1940)

Un po’ di frasi

– Quando il morto piange, è segno che è in via di guarigione, – disse solennemente il Corvo.
– Mi duole di contraddire il mio illustre amico e collega, – soggiunse la Civetta, – ma per me, quando il morto piange è segno che gli dispiace a morire.

Prima però di prendere cognato da voi, permettete, o signori, che io v’inviti al diurno spettacolo di domani sera: ma nell’apoteosi che il tempo piovoso minacciasse acqua, allora lo spettacolo invece di domani sera, sarà posticipato a domattina, alle ore undici antimeridiane del pomeriggio.
Il direttore della compagnia di pagliacci


* con il nuovo sistema di valutazione di aNobii a 5 stelline invece che 4, questo libro aumenta di una stellina

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.