Due mesi dopo


di Agatha Christie

Poirot
Cards on the Table (Carte in tavola)
Poirot sul Nilo

La signorina Arundell morì il primo maggio. Benché la malattia fosse stata brevissima, la morte della signorina non produsse molta sorpresa nella piccola città di Market Basing dove viveva sin da quando aveva sedici anni. Infatti, Emily Arundell aveva oltrepassato la settantina – ultima sopravvissuta di una famiglia di cinque persone – e da parecchi anni era di salute cagionevole. Già diciotto mesi prima della sua morte era stata sul punto di andarsene all’altro mondo per un attacco simile a quello che doveva poi esserle fatale.

[incipit]

Il segnalibro che ho usato durante la lettura.

Che dire? Al termine di un libro di Christie il commento è sempre: è stata una piacevolissima lettura!

Brevemente, la trama: i due mesi dopo del titolo sono quelli che passano dalla morte di un’anziana donna, Emily Arundell, e l’arrivo a destinazione di una lettera da lei indirizzata a Poirot. Il quale non può fare a meno di indagare, anche se solo per conto suo, visto che la sua potenziale cliente è ormai defunta.

E questo libro mi ha anche regalato la soddisfazione di poter indovinare il colpevole (anche se non il modo!). Soddisfazione durata però poco perché Julian Symons, autore di prefazione e postfazione, dice che è piuttosto facile in questo romanzo! 🙁

Titolo: Due mesi dopo
Serie: Poirot (15)
Titolo originale: Dumb Witness
Genere: giallo
Nazionalità: britannica
Prima pubblicazione: 1937
Casa Editrice: Mondadori
Traduzione: Enrico Piceni
Link al libro: SITO UFFICIALEGOODREADSANOBII
inizio lettura: 10 maggio 2008
fine lettura: 12 maggio 2008

Sfide

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.