scritto da Phoebes
lunedì 5 20 Gennaio15
alle 21:41
Categoria : Mansfield


di Katherine Mansfield

Titoli: Una tazza di tè; Prendere il velo
Titoli originali: A cup of tea; Taking the veil
Genere: racconti
Autore: Kathleen Mansfield Beauchamp (Wikipedia)
Nazione: Nuova Zelanda
Anno prima pubblicazione: 1923
Ambientazione: Londra, inizi XX secolo
Personaggi: Rosemary Fell, Edna
Casa Editrice: Alphaville Edizioni Digitali
Traduzione: Stefano Lorenzin
Pagine: 15
Provenienza: Amazon (29 gennaio 2013)
Link al libro: ANOBIIGOODREADS
inizio lettura: 28 dicembre 2014
fine lettura: 28 dicembre 2014


Nella vita ci sono momenti, orribili momenti, quando si spunta fuori dal riparo e si guarda fuori, ed è terribile. Non ci si dovrebbe arrendere. Si dovrebbe andare a casa e prendere un tè ultraspeciale.

Due brevi racconti che mi hanno fatto scoprire, e apprezzare molto, questa autrice.

Nel primo racconto seguiamo la giornata di Rosemary che di punto in bianco decide di fare qualcosa di molto diverso dal solito. Nel secondo esploriamo la mentre della giovane Edna che si è innamorata di un attore e ora vede la sua vita irrimediabilmente cambiata da questo avvenimento.

Questo libro è veramente cortissimo, non me ne ero resa conto quando l’ho preso su Amazon! Ho deciso di leggerlo perché volevo qualcosa di breve per la fine dell’anno, e ho pensato di scegliere un ebook scritto da una donna (per migliorare un po’ nelle rispettive sfide in cui non ho brillato quest’anno), ma non mi aspettavo fosse così corto! L’ho letto tutto in un viaggio in treno.

Comunque, due raccontini proprio gradevoli!

Ovviamente il titolo del libro (che è anche quello del primo racconto) mi aveva incuriosito moltissimo, ma in realtà la trama ha poco a che fare con il tè, ce c’entra solo perché la protagonista, Rosemary, invita una ragazza povera incontrata per strada a prendere un tè a casa sua. Il grosso del racconto si concentra quindi nell’esplorare i pensieri di Rosemary riguardo questo suo atto spontaneo e anticonformista, salvo poi alla fine mandare subito via la ragazza appena il marito, pur criticando il suo gesto, esprime un parere lusinghiero sull’avvenenza della fanciulla.

Il secondo mi è forse piaciuto anche di più: contiene le elucubrazioni di una diciottenne che si fa mille film tutta da sola, proprio come sicuramente è successo a tutte noi nell’adolescenza (e ad alcune persone succede ancora adesso) immaginandosi tutta la sua vita stravolta da questo amore impossibile per un attore.

Green Tea + Apricot Pie

Green Tea + Apricot Pie (Tè Verde con torta all’Albicocca)

L’ambientazione non è molto presente, visto che, appunto, giriamo soprattutto nella mente delle protagoniste, e un po’ me ne dispiace, ma sono racconti talmente corti che davvero non si poteva pretendere di più.

I personaggi principali, le due protagoniste, eclissano tutti gli altri, specie nel secondo racconto. Le ho trovate entrambe molto interessanti, mi sono piaciute molto e mi è piaciuta l’indagine psicologica che ne fa l’autrice, mantenendo comunque un tono fresco, leggero e ironico. Ho infatti grandemente apprezzato lo stile di Mansfield, la capacità di delineare in poche righe tutta la vita passata di un personaggio, di riuscire con una sola frase a rappresentare un mondo di emozioni.

La copertina di questa mia edizione digitale è un po’ strana, non riesco bene a capire cosa è rappresentato, sembrerebbe una parete irregolare. Comunque è interessante, accende abbastanza la curiosità proprio perché incomprensibile. Il titolo, come ho detto, è un po’ fuorviante, ma a mio parere bello nella sua semplicità (ma io, si sa, sono di parte quando si parla di tè).

Commento generale.

Ero molto curiosa riguardo a questa autrice, e a questo titolo che nominava la mia bevanda preferita, e devo dire che non sono rimasta per niente delusa. I racconti sono troppo brevi per prendere un voto superiore alle 4 stelline, ma mi sono comunque piaciuti molto, e voglio assolutamente leggere altro, possibilmente qualcosa di più lungo, di Katherine Mansfield.

Sfide

Mini recensione in 5 parole

Racconti troppo brevi ma belli

Un po’ di frasi

Rosemary Fell non era esattamente bella. No, non avresti potuto definirla bella.
[incipit di “Una tazza di tè”]

explicit di 'Una tazza di tè' Leggi

Sembrava impossibile che qualcuno potesse essere infelice in una mattinata così bella. Nessuno lo era, decise Edna, tranne lei.
[incipit di “Prendere il velo”]

explicit di 'Prendere il velo' Leggi

Argomenti


2 commenti per Una tazza di tè

  1. dragoval scrive:

    Katherine Mansfield è mitica, un’autrice che anch’io ho scoperto tardi e amato moltissimo :-).
    I racconti devi leggerli tutti .

    ps suggerimento per la copertina: a me sembra l’ombra delle sbarre che si riflette sulla parete di una prigione…..

    • Phoebes scrive:

      Ok, vedrò di seguire presto il tuo consiglio! :)
      In quanto alla copertina: avevo pensato anch’io a delle sbarre, ma mi veniva in mente più un cancello che una prigione. Comunue ancora non mi convince del tutto, ancora devo ben capire la connessione con il libro!


ATTENZIONE! Se devi scrivere uno spoiler, racchiudilo nei tag [spoiler title="SPOILER"][/spoiler]. Puoi usare inoltre i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: