scritto da Phoebes
lunedì 21 settembre 2009
alle 15:43
Categoria : De Luca

di Erri De Luca

Anno: 1998
Casa Editrice: Feltrinelli
pagine: 114
Tu, mio su aNobii

Questo libro partecipa alle sfide delle pagine, A PUNTI, infinita e collettiva – 2 e DELLE STAGIONI.

Il pesce è pesce quando sta nella barca. E’ sbagliato gridare che l’hai preso quando ha solo abboccato e senti il suo peso ballare nella mano che regge la lenza. Il pesce è pesce solo quando è a bordo.
[incipit]

Trama:
In un'”estate brutale di amore e di furore” un ragazzo diventa uomo attraverso i mare e l’amore, grazie a un pescatore e a una ragazza conosciuta da poco, con cui scopre e ricorda il recente passato di guerra (siamo negli anni ’50), conosce un amore adulto, forse non suo, o forse sì.


Non sono brava coi riassunti, specie quando non voglio far capire troppo della trama, perché scoprirla a poco a poco leggendo per me è stato un grandissimo piacere! E’ solo il secondo libro di Erri De Luca che leggo, eppure mi sembra di conoscerlo da tantissimo, di aver letto tutto di lui, per l’effetto così “riposante” e familiare la sua scrittura!
Un libro che mi ha commosso ed emozionato, pur essendo assai semplice nella trama e nello stile. Un dolore e un amore enormi, ma raccontati con garbo e dolcezza. Un libro veramente coinvolgente!

E’ bella la pacienza in napoletano perché mette un po’ della parola pace dentro la pazienza.

Il nome [è quell’] accidente che accompagna a vita una persona più di un’ombra, perché almeno al buio l’ombra smette, il nome invece no.

A volte vedo il mondo capovolto. Quand’ero bambina c’era un fiume con gli alberi lungo le rive: io lo rovesciavo e vedevo che gli alberi reggevano il fiume, i ponti etano amache per sdraiarsi all’ombra della corrente.
Caia

Sbarcammo dalla pesca mentre esplodevano in cielo i petardi di qualche festa di santo. L’isola annunciava il giorno di un suo protettore con botti oltre che con campane. Erano razzi sparati in aria che esplodevano in alto con un colpo solo, potente. Per ringraziarli in qualche loro onomastico gli spariamo la nostra batteria contraerea. E’ a salve, ma sono sempre cannonate contro il cielo.

Non aver fatto niente di male non risparmia la colpa. In momenti difficili che tu non hai conosciuto e non è detto che debba sperimentarli, in momenti difficili non fare niente di male è diventare complici del male.
Il padre

Il segnalibro è stato realizzato da Ladygiodesi.

Argomenti


3 commenti per Tu, mio

  1. paola scrive:

    fa skifooo

  2. Phoebes scrive:

    De gustibus! ;)

  3. Phoebes scrive:

    Ma comunque non credo sia un commento vero il tuo, ho ragione? Altrimenti non avresti messo una mail che non esiste, perché che c’è di male nell’esprimere un parere negativo? Probabilmente il libro neanche l’hai letto. Perché allora hai scelto proprio questo? E’ di un bel po’ di tempo fa!
    Mah, mistero! :)


ATTENZIONE! Se devi scrivere uno spoiler, racchiudilo nei tag [spoiler title="SPOILER"][/spoiler]. Puoi usare inoltre i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: