scritto da Phoebes
giovedì 26 Novembre 2009
alle 22:17
Categoria : DoyleR

di Roddy Doyle

Venivamo giù per la nostra strada. Kevin si fermò a un cancello e col bastone gli mollò un colpo. Era il cancello della signora Quigley; quella stava sempre alla finestra ma non faceva mai niente.
«Quigley!»
«Quigley!»
«Quigley Quigley Quigley!»
Liam e Aidan svoltarono per il viottolo di casa loro. Noi non dicemmo una parola; loro neanche. Liam e Aidan non avevano la mamma. La signora O’Connell, così si chiamava, era morta.
«Sarebbe forte, no?» dissi io.
«Sì,» disse Kevin. «Fortissimo.»
Parlavamo del fatto di avere la mamma morta.
[incipit]

La scuola, gli amici, i nemici, le bravate, la famiglia, la paura, la vita, la morte, raccontati da Paddy Clarke, un ragazzino irlandese di 10 anni.

Capisco quali sono tutti i motivi per cui questo romanzo è così apprezzato, però… a me non è piaciuto tanto! Innanzi tutto, non è affatto così divertente come prometteva di essere. Poi, Paddy mi suscitava a tratti molta tenerezza, ma per la maggior parte del tempo l’ho trovato odioso! Un teppistello della peggior specie: vigliacco con quelli più forti di lui, prepotente con i più deboli. Lo so, lo so che il libro non era solo questo, come ho detto all’inizio, capisco che ci sia molto di più, però proprio non è riuscito a conquistarmi! Non è brutto, comunque, gli do 2 stelline, e in decimi comunque la sufficienza.

Questo libro costituisce la NONA TAPPA del Giro del mondo in 80 libri: EUROPA, Irlanda, Dublino
Ecco la cartolina che ho mandato ai partecipanti alla sfida:

Scheda del libro

Titolo: Paddy Clarke ah ah ah!
Autore: Roddy Doyle
Titolo originale: Paddy Clarke Ha Ha Ha!
Anno prima pubblicazione: 1993
Casa Editrice: Super Pocket
Traduzione: Laura Noulian
Pagine: 285
aNobii: LINK

Un po’ di frasi

<

p class=cit>Al limbo ci andavano i neonati che non erano stati battezzati e gli animali di casa. Era un bel posto, un po’ come il paradiso, solo che Dio non stava là. Ogni tanto Gesù ci andava in visita, e anche Maria, sua madre. C’èra una specie di zoo, lì. Gatti e cani e porcellini d’India e pesci rossi. Gli animali che non vivevano in casa non andavano da nessuna parte. Marcivano, punto e basta, e si mescolavano alla terra, rendendola migliore. Loro non avevano l0anima. Gli animali di casa, sì. In paradiso non c’erano animali di nessun genere; tolti i cavalli, le zebre e le scimmiette.

Volevo dormire sveglio, per sapere che stavo dormendo.

Guardai se sul collo della camicia non aveva macchie di rossetto; l’avevo visto fare in Un uomo sconfitto. Niente. Comunque non capivo perché dovessero essercene. Forse le donne, al buio, non miravano bene.

[Dopo essersi buttato a terra perché gli girava la testa per aver girato su se stesso]
La forza di gravità mi incollava con le spalle a terra, mi teneva giù; mi facevano male gli stinchi. Il mondo era una sfera e l’Irlanda gli stava appiccicata su un fianco; quando giravo su me stesso lo capivo, questo – cadevo dal mondo. Peggio di tutto era quando non c’era niente nel cielo, niente cui aggrapparsi, solo blu blu blu.

Argomenti


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: