Lo Hobbit – Capitoli 10-13


Pagina principale
← Capitoli 8-9
Capitoli 14-19 →

Mi piace sempre più questo libro, davvero non lo ricordavo così avvincente e divertente! 🙂

Un’accoglienza calorosa.

Emozionante la comparsa della Montagna, così enorme e minacciosa anche vista da lontano!

La città di Pontelagolungo mi ricorda un po’ Venezia! Bel capitolo, di riposo; anche se il Governatore non crede alla storia dei Nani, gli abitanti sì: era da Forraspaccata che non si sentivano tutti così coccolati!

Sulla soglia.

Eccoci qui! Siamo arrivati alla Montagna Solitaria, e ancora una volta è Bilbo a risolvere il problema, osservando il tordo e ricordando le parole di Thror. E ancora una volta il lavoro pericoloso tocca a lui! Solo Balin si dimostra più coraggioso degli altri Nani, e soprattutto più affezionato all’Hobbit!

Notizie dall’interno.

Ed eccoci qui, finalmente arriviamo al tesoro!! Peccato per il drago che ci dorme sopra!! Divertentissimo il dialogo con l’invisibile Bilbo, e tutti gli epiteti che l’Hobbit riesce ad inventarsi per sé e per Smog!

Era questa la nostra casa?

Di Smog non c’è più traccia da parecchio tempo, e questo mi preoccupa un po’, non vorrei se la fosse presa con gli Uomini di Pontelagolungo!

Intanto i Nostri cominciano il “saccheggio”, e spunta fuori un’altra vecchia conoscenza de Il Signore degli Anelli la cotta di mithril. Non mi ricordavo invece per niente dell’Archepietra: Bilbo ne è rimasto affascinato e l’ha intascata, ma non credo (e non lo crede nemmeno lui!) che i Nani gliela lasceranno tenere!

E adesso? Sono riusciti a uscire e si sono nascosti, dopo aver trafugato un po’ del tesoro, ma rimane ancora il problema tutt’altro che insignificante del drago!

Pagina principale
← Capitoli 8-9
Capitoli 14-19 →

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.