scritto da Phoebes
martedì 22 Maggio 2007
alle 10:32
Categoria : Meyrick

di Gustav Meyrick

Questo romanzo «è di fatto la terrificante allegoria della lotta che ciascuno di noi deve intraprendere per ritrovare se stesso: operazione che è la premessa a qualsiasi avanzamento ulteriore lungo la via dell’ascesi.
Nel libro, la presenza del Golem è indiretta.
[…]
Riflesso e specchio della nostra intima miseria, il Golem apparendo ci mette a confronto con la parte di noi che più vorremmo nascondere, quella che ci lega alla terra, e ci vieta l’ascesa lungo le Vie della Salvezza.»
(dalla nota introduttiva Il simbolismo kabbalistico del Golem di Gianni Pilo e Sebastiano Fusco.

Questa volta sono dovuta ricorrere a parole non mie per spiegare brevemente di che tratta questo libro, perché… bè, mica l’avevo capito! E mi riesce difficile anche scrivere un commento su questo romanzo, perché, bè… non posso dire che mi sia dispiaciuto, ma neanche mi è davvero piaciuto. Bo, è uno di quei libri che fino a qualche tempo fa avrei tralasciato di recensire, ma siccome mi sono imposta di inserirli tutti sul blog, c’ho provato lo stesso!

Per il mio compleanno mi è stato regalato un libro, e ho deciso di leggerlo subito, per cui il sondaggio rimane invariato: continuate a votare, grazie!!!!

Argomenti



ATTENZIONE! Se devi scrivere uno spoiler, racchiudilo nei tag [spoiler title="SPOILER"][/spoiler]. Puoi usare inoltre i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: