scritto da Phoebes
martedì 25 Febbraio 2020
alle 10:30
Categoria : Fraction, Gillen, _fumetti_

di Fraction, Gillen, Davis, Di Giandomenico, Hans, Kitson

Thor
The Mighty Thor Vol. 3




And he told his lie to the best of his ability. Because in the end, the lies you choose to tell define you. The lies you cling to because the truth is too horrible to contemplate.

E raccontò la sua bugia al meglio delle sue abilità. Perché alla fine, le bugie che scegli di dire ti definiscono. Le bugie a cui ti aggrappi perché la verità è troppo orribile da contemplare.

(Journey Into Mystery 644, pagina 132)

Si conclude con questa raccolta il mio viaggio nel mondo di Thor, perché la storyline che avevo iniziato finisce qui, e non credo leggerò ancora di questo eroe.

L’Albero del Mondo è in fiamme a causa di Surtur, il fuoco si propaga in tutti i Nove Regni e sembra impossibile da estinguere.

Ho già appurato nelle letture precedenti che come eroe dei fumetti Thor non fa proprio per me. Se il primo mi era piaciuto tanto i successivi sempre meno, ma devo dire che quest’ultimo l’ho trovato di nuovo se non altro avvincente, però continua a non coinvolgermi del tutto. Abbandono perciò il Dio del Tuono e penso mi dedicherò a qualche altro supereroe della Marvel. Nel frattempo comunque commentiamo questa raccolta, che tra l’altro era pure parecchio lunga e conteneva un bel po’ di albi di due serie diverse (The Mighty Thor e Journey Into Mystery).

Attenzione! Sono coperti solo gli spoiler del singolo albo, poi nel successivo gli spoiler per il precedente sono visibili.

The Mighty Thor 18

prologue

Uno dei motivi per cui non riesco ad apprezzare totalmente questi albi è che le cose che non capisco sono tante. Spuntano fuori personaggi che non avevo mai visto prima, senza spiegazione, e sono lì come se fosse normale, e io invece non so chi sono. Ok, può anche darsi che qualcuno non me lo ricordo, ma in generale penso che siano collegamenti con altri momenti della saga. In questo albo per esempio Loki è accompagnato da una gazza ladra di nome Ikol che non viene introdotta in nessun modo tanto che credevo di essermi persa un pezzo, ma ho controllato i numeri degli albi, qui riprendiamo proprio da dove ci eravamo interrotti.

Comunque, l’inizio è subito interessante: Freia ha fatto un sogno pieno di fuoco e distruzione, subito quindi in allegria. Ci sono incendi in tutti i regni legati all’Albero del Mondo, e neanche Thor riesce a spegnerli, anzi addirittura queste fiamme riescono a ferire perfino il dio. Quest’albo è prettamente introduttivo, non ci sono risoluzioni, ma il problema dei fuochi è parecchio inquietante e abbiamo modo di vedere qualcosa del passato di Freia, ovvero di come ha conosciuto Odino e di come sono arrivati poi alle nozze.

Journey Into Mystery 642

part the first: the match

La storia iniziata in The Mighty Thor prosegue in Journey Into Mystery. Da questo albo la pagina di presentazione è scritta come se si trattasse di un’opera teatrale, con gli autori presentati come attori e il dramatis personae per i personaggi, descritti in poche parole, alcuni devo dire in maniera piuttosto simpatica, per esempio Loki (A Mischief God of Asgard. Oft a villain, currently a child.) oppure Tyr (A God of War. Paramour of Hela. Oft mustachioed.). E sempre leggendo queste descrizioni scopro finalmente chi è Ikol: è lo spirito del Loki morto, come se questo qui bambino non fosse la stessa persona.

In questo albo Thor si trova a dover combattere contro la zia Gullveig, la sorella di Freia, che ancora soffre perché ritiene che sposando Odino Freia abbia sottomesso la loro stirpe. Il matrimonio aveva in realtà come scopo di ottenere una tregua tra Vanir (la stirpe di Freia) e gli Aesir (la stirpe di Odino), ma Gullveig sente di dover riscattare i suoi. È una guerriera molto potente, e pare che pure lei abbia il potere dei fulmini.

Come se non bastasse gli Asgardiani si rivoltano contro le All-Mother che credono in combutta con Gullveig e in generale in quanto Vanir non si fidano di loro. Thor corre in difesa delle madri, e si deve scontrare quindi con i suoi amici. Inutile dire che questi contrasti interni fanno il gioco di Surtur, e intanto tutto continua a bruciare.

Loki, manco a dirlo, fa casini e combina mischief anche quando cerca di aiutare. Ma lui e Thor sono sempre tanto carini insieme!!

The Mighty Thor 19

part the second: the kindling

E quindi in questa situazione così critica, gli Asgardiani si combattono tra di loro, anzi, tutti gli Asgardiani combattono contro Thor: ma bravi eh! Meno male che arriva Heimdall a placare gli animi, ma non riesce comunque a convincere tutti della fedeltà delle All Mother, che vengono imprigionate. A proposto delle All-Mother: io me le ricordavo tutte bionde, invece qui una è bruna.

Questa lotta intestina mi ha irritato parecchio perché mi sembrava ovvio servisse solo a complicare le cose. E intanto gli incendi continuano imperterriti e finalmente scopriamo perché sono così inarrestabili: sono fuochi engel, e la cosa sconvolge tutti. Ecco qui mi è facile capire che effettivamente mi manca qualcosa perché non ho idea di cosa si tratti.

Loki cerca aiuto contro questi fuochi soprannaturali, e contatta Hela. La dea rifiuta l’aiuto, ma è stato comunque bello rivederla!

Journey Into Mystery 643

part the third: the crossing

Tolte di mezzo le All-Mother, c’era bisogno di un nuovo sovrano, e i Warriors Three avevano fatto a estrazione tra di loro, e in questo albo scopriamo che la sorte è caduta su Volstagg, che vede la cosa come un peso e non un piacere, e si può capirlo perché fare il re in un momento tragico come questo è solo responsabilità e pericoli e nessuna soddisfazione.

Conosciamo meglio un personaggio che era stato introdotto in questa saga: Leah. Nel dramatis personae è definita come ex BFF (che sta per best friend forever, ovvero “migliore amica per sempre”) di Loki, e scopriamo che (o almeno così ho capito io) è un personaggio che Loki aveva inventato in una storia, ne è consapevole e si ribella contro il suo creatore.

Sorpresa sorpresa: Loki è un traditore. Ovviamente non è un sorpresa per niente, ma per scrupolo l’ho comunque nascosto sotto spoiler.

Loki ha un cane che parla, Thori (il nome sarà un riferimento a Thor?), e sono carinissimi insieme, Loki sembra molto più umano quand’è con lui, proprio come un qualsiasi ragazzo col suo cane (più o meno).

The Mighty Thor 20

part the fourth: a dog and his tricks

Loki continua a tramare inganni, però bisogna concedergli una cosa: parlando con Surtur in pratica gli dice apertamente che lui tradisce sempre tutti, quindi era ovvio aspettarsi che avesse tradito pure lui. Ma qual è il suo piano quindi? Questo non riesco ancora a capirlo. Comunque questi ultimi albi mi sono piaciuti di più, Loki è più presente, e le cose si stanno facendo più emozionanti.

Journey Into Mystery 644

part the fifth: young adult fiction

Già nella copertina vediamo tutti che inseguono Loki: che avrà combinato ancora?

In realtà il nostro viene davvero inseguito in questo albo, ma non dagli Asgardiani, da Surtur, e anche lui subisce un tradimento, da parte di Thori! E finalmente rivela il suo scopo: ha fatto tutto quello che ha fatto per salvare Leah! Ecco, qui devo ammettere che ho avuto proprio difficoltà: non so se è perché ci sono cose che mi mancano o proprio non ho capito io, ma sul personaggio di Leah mi rimangono moltissimi dubbi, non sono sicura di aver capito bene chi è, da dove proviene, che rapporto c’è tra lei e Loki, perché gli si era rivoltata contro, insomma, mi rimangono tantissimi dubbi!

The Mighty Thor 21

part the sixth: everything burns

Ecco, siccome già non ci capivo molto con Leah, in questo albo sono ancora più confusa: mi era sempre parsa un’adulta, ora è chiaramente una ragazzina! Quando è successo? Come?!?

Quest’albo non è l’ultimo della mini serie, però è qui che la situazione arriva ad una conclusione. Finalmente Hela interviene, e Thor riesce a sconfiggere Surtur, però si pone il problema di dove convogliare tutta l’energia che il demone (diavolo? non so bene cos’era Surtur) aveva accumulato. Allora purtroppo sono costretti a fare intervenire Odino, richiamarlo dal suo esilio con l’inganno. La All-Mother non è particolarmente contenta della cosa.

Un finale un po’ deludente, a mio parere, per tutta l’aspettativa che si era creata: questi fuochi inestinguibili erano veramente una piaga tremenda che rischiava di portare alla distruzione di tutti i Nove Regni. Per “fortuna” la storia non è ancora finita: anche se alla fine si è adoperato per fermare Surtur, sembra che i guai combinati da Loki non siano finiti.

Journey Into Mystery 645

aftermath

In questo albo non c’è più il dramatis personae, ma la pagina di presentazione sembra la locandina di un film. I disegni sono molto diversi da quelli degli albi precedenti, mi sono piaciuti molto, sono meno fumettistici! E questo è l’albo più triste di tutti, e anche per questo motivo forse proprio quello che mi è piaciuto di più. Una delle malefatte passate si ritorce contro Lokino, che in pratica si deve sacrificare per rimediare ai danni, e quel che è peggio non può neanche dirlo a nessuno! Nemmeno a Leah, che manda nel passato per salvarla facendosi però odiare da lei che non capisce il perché di quel gesto. Anche qui ovviamente ci sono cose che non sono chiare: il Loki bambino si trova a parlare con un Loki adulto che credo sia solo spirito e che comunque parla come se Loki non fosse lui ma solo il ragazzino. Molto bella graficamente anche la scena dell’addio a Thor, il loro abbraccio e Thor ignaro di quello che sta per succedere. :'(

In generale un albo veramente super triste!!! E tra l’altro credo segni la fine di Journey Into Mystery, o almeno di una sua parte, alla fine c’era anche una sezione dedicata alla posta, con lettere di fan e commenti di alcuni degli autori.

The Mighty Thor 22

aftermath

Pensavo l’albo precedente fosse l’ultimo, invece continuiamo! Ero contenta perché volevo saperne di più su Loki, ma invece si parla di tutt’altro.

Odino è arrabbiato per essere stato ingannato, e vuole vendetta ovvero l’esilio di Thor.

Ogni tanto anche negli albi precedenti si era intravisto Bill, quell’umano che già mi aveva lasciata perplessa la prima volta che ne avevo sentito parlare perché pure lui ha tutta una storia precedente che non conoscevo. Comunque, ora si trova nel Valhalla con Kelda, la donna che ama, ed è stato reclutato da Hela per addestrare le sue truppe. In questo albo Bill e Kelda si mettono in contatto con Balder il Coraggioso, altro personaggio di cui non so nulla e non ricordo proprio se l’avevo mai incontrato prima.

Comunque, Odino reclama un processo e chiama Amora a difenderlo, ovviamente tra lo scontento di molti. A difesa di Thor si erge Hreidmar, e lui me lo ricordo: era uno di quei Nani che sembrano tanto folletti che aveva aiutato Thor nella raccolta precedente contro i Mares. Amora è ovviamente molto brava a parlare e mette in luce i difetti di Thor, evidenziando quanto la sua mera presenza sia un pericolo per chiunque. In soccorso del dio del Tuono però arrivano Bill, Kelda e soprattutto Balder che infiamma gli animi e riporta la vittoria di Thor.

Ho scoperto che Freia non è la vera madre di Thor ma la matrigna, la sua vera madre (questo l’ho letto cercando su internet) è Gea (che comunque è sempre una delle All-Mother). Quindi l’erede che fosse metà Vanir e metà Aesir non c’era mai stato. Alla fine dell’albo però Freia è incinta di Odino e quindi finalmente ci sarà questo bambino che dovrebbe portare pace tra le due stirpi.

Non c’è Loki in questo fumetto, e forse anche per questo l’ho trovato un po’ noioso. Ma quindi è scomparso del tutto? Chiudo le lettura ancora con qualche dubbio su quello che è successo di preciso!

Commento generale.

L’Albero del Mondo brucia (The Mighty Thor #18, pagina 21).

I primi albi sono partiti un po’ in sottotono, ma nella parte centrale questa raccolta mi ha preso moltissimo, gli albi di mezzo li ho letti tutti di seguito, mi intrigava molto soprattutto quando la storia si concentrava un po’ più su Loki. Il finale mi ha un po’ deluso, ma il post, il primo aftermath l’ho trovato bellissimo perché molto molto triste.

I disegni mi sono piaciuti molto. Ho preferito di gran lunga quelli dell’albo Journey Into Mystery #645, diversi, più realistici e allo stesso tempo fiabeschi, con colori meno patinati. Anche gli altri fumetti comunque mi sono piaciuti graficamente, specialmente perché il tema everything burns, “tutto brucia”, era evidenziato da tante pagine tutte in fiamme, belle da vedere e molto suggestive. Interessanti anche le immagini seppiate dell’ultimo albo quando si raccontava una scena del passato.

Nel complesso una lettura interessante, avvincente e anche molto emozionante a volte. Però troppi personaggi, troppi riferimenti a personaggi e avvenimenti che non conoscevo, e una risoluzione della vicenda non all’altezza delle aspettative create. Sono contenta di aver completato questa miniserie di Thor, ma come ho già detto non penso che continuerò con questo supereroe.

Copertina e titolo

La copertina della raccolta è la copertina del primo albo, il numero 18. L’immagine non è niente di che ma è sicuramente azzeccata perché mostra Thor in tutta la sua mightytudine, e il piccolo Loki attaccato appresso. Mi piace molto il titolo, Everything Burns, Brucia Tutto, e mi piace anche come viene rappresentato nella copertina di ogni albo come se fosse dietro un foglio bruciacchiato.

Mini recensione

Emozionante ma confermo che non fa per me

Una delle scene esteticamente più belle (tutta la pagina era bellissima, ma molto spoiler, l’ho riportata per intero coperta in basso), da Journey Into Mystery #645, pagina 183.

Titolo: Everything Burns
Serie: The Mighty Thor #18-22 / Journey Into Mystery #642-645
Genere: fumetto, fantascienza, supereroi, fantasy
Autori: Matt Fraction (vero nome Matt Fritchman; testi; sito ufficialeWikipedia), Kieron Gillen (testi; sito ufficialeWikipedia), Alan Davis (disegni; sito ufficialeWikipedia),
Carmine Di Giandomenico (disegni; Wikipedia), Stephanie Hans (disegni; Instagram), Barry Kitson (disegni; Wikipedia)
Nazionalità: statunitense (Fraction), britannica (Gillen, Davis, Kitson), italiana (Di Giandomenico)
Prima pubblicazione: 2012 gli albi, 2014 la raccolta
Ambientazione: un po’ tutti i Nove Regni, in particolare Asgardia e Muspelheim; giorni nostri
Personaggi: Thor, Loki, Surtur, All-Mother, Leah
Casa Editrice: Marvel
Copertina: Alan Davis
Pagine: 213
Provenienza: Marvel Comics, 16 febbraio 2020
Note: contiene gli albi The Mighty Thor #18-22 e Journey Into Mystery #642-645
Link al libro: IN LETTURAGOODREADSANOBII
inizio lettura: 16 febbraio 2020
fine lettura: 23 febbraio 2020

Sfide

Un po’ di frasi e immagini

[incipit]

Do you know the magpie rhyme, Loki? One for sorrow, two for joy, three for a girl and so on and on. You count the number of magpies and so predict the future. It’s wrong. A mistake, a failing of perspective. Humans see groups of magpies. Magpies don’t. Magpies know they stand alone. It’s just that occasionally they stand alone in company. In truth, there’s only ever one magpie. There’s only ever one for sorrow.
Conosci la rima delle gazze, Loki? Una per il dolore, due per la gioia, tre per una ragazza e così via. Conti il numero di gazze e così prevedi il futuro. È sbagliato. Un errore, una mancanza di prospettiva. Gli umani vedono gruppi di gazze. Le gazze no. Le gazze sanno di essere sole. È solo che occasionalmente sono sole in compagnia. In verità, c’è sempre e solo una gazza. Ce n’è sempre una sola per il dolore.
Ikol
(The Mighty Thor 18, pagine 8-9)

I remain mysterious, even to me.
Rimango misterioso, perfino per me.
Loki
(The Mighty Thor 18, pagina 10)

Journey Into Mystery #642, pagina 25

spoiler per Journey Into Mystery #642 Leggi

Mi piaceva molto questa pagina per come le tre scene avvengono su tre pianeti diversi ma sono rappresentate come una continuità.
(The Mighty Thor #19, pagina 56)
Loki e Thori (Journey Into Mystery #643, pagina 74) Journey Into Mystery #644, pagina 130
spoiler per Journey Into Mystery #644 Leggi

spoiler per Journey Into Mystery #645 Leggi

explicit Leggi

Argomenti



ATTENZIONE! Se devi scrivere uno spoiler, racchiudilo nei tag [spoiler title="SPOILER"][/spoiler]. Puoi usare inoltre i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: